CORONAVIRUS

Coronavirus, seconda vittima: chi era la donna morta in Lombardia, già debilitata da polmonite

Sabato 22 Febbraio 2020
Coronavirus, chi è la donna morta in Lombardia

È di Casalpusterlengo, aveva 78 e viveva da sola in casa la seconda vittima in Italia per il coronavirus. Secondo fonti sanitarie, la donna potrebbe essere collegata ai casi di Codogno. La vittima era stata ricoverata ed era in attesa del risultato del tampone che sarebbe però arrivato dopo il suo decesso. La signora, ultrasettantenne, era debilitata da una polmonite e sarebbe stata in attesa dei risultati degli esami a cui era stata sottoposta. Nella villetta di Casalpusterlengo si è presentato un tecnico dell'Ats della Città metropolitana di Milano. È probabile che abbia sottoposto a tampone i famigliari della donna, per verificare che i famigliari non siano stati contagiati. «È un brutto momento, lasciateci in pace», dice una donna affacciandosi al cancello della villetta in cui la vittima abitava. Ieri «è stata rinvenuta nel proprio domicilio una donna di 77 anni deceduta che aveva tutta una serie di sue patologie. A questa persona post mortem è stato fatto il tampone ed è risultato positivo, ma ad oggi non possiamo dire, visto che manca l'autopsia e altri esami, se è morta a causa del coronavirus o per altre situazioni», ha detto l'assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera, parlando del primo decesso in Lombardia.

Coronavirus, altri 19 italiani rientrati a Pratica di Mare, poi la quarantena alla Cecchignola

Coronavirus, a Roma «predisposti 700 posti letto». Guarita la coppia di cinesi
 

 

 

Ultimo aggiornamento: 14:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA