CORONAVIRUS

Coronavirus, parla il paziente zero: «Sono sempre stato bene, non sapevo niente»

Sabato 22 Febbraio 2020

Parla il "paziente zero" del coronavirus in Italia: ossia il manager tornato dalla Cina lo scorso 21 gennaio e indicato come possibile causa del contagio del 38enne ricoverato in gravi condizioni a Codogno. «Dicono che sono il paziente zero, ma non mi trovano niente. Non è detto che, perché sono stato in Cina, devo aver preso io il coronavirus». «Con M. abbiamo fatto due cene e abbiamo preso una birretta - ricorda l'uomo a Milanotoday - ma sono sempre stato bene, solo un accenno di raffreddore che non è sfociato in influenza. Fino a ieri sera alle 11 mangiavo e bevevo, non sapevo niente di questo virus».

Coronavirus, il mistero del paziente zero: test negativo, forse non è lui
Coronavirus, chi è il primo morto italiano: Adriano Trevisan aveva 78 anni

È stato proprio l'amico 38enne a dare ai medici il nome e il numero di telefono del manager. «Nella notte sono venuti a prelevarmi e mi hanno portato al Sacco». Il test, a cui è stato subito sottoposto, è risultato negativo. «Come me lo spiego? Non mi spiego niente - dice ancora - Parlo con i medici per telefono, ma ho più notizie dalla televisione». «Il mio stato d'animo? C'è un mio amico che rischia di morire», dice il manager, preoccupato anche per i famigliari. «Voglio sapere il responso del tampone sui miei genitori». L'esame è stato fatto anche dalle due sorelle e dal nipote.

Coronavirus, diretta: morto uomo di 78 anni a Padova, è la prima vittima italiana. 17 persone contagiate tra Lombardia e Veneto, nuovo caso a Cremona
 

Ultimo aggiornamento: 10:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani