Coronavirus Campania, “lo sceriffo” De Luca nel mirino per un assembramento fuori dall'ospedale di Salerno

Coronavirus Campania, lo sceriffo De Luca nel mirino per un assembramento fuori dall'ospedale di Salerno
2 Minuti di Lettura

L’assembramento davanti all'ospedale di Salerno, le polemiche, il governatore della Campania Vincenzo De Luca che finisce nel mirino. Una foto scattata ieri mattina, davanti al nosocomio Ruggi di Salerno, dove è stata inaugurata la struttura modulare che permetterà di avere altri 24 posti letto di terapia intensiva, ha fatto il giro del web. De Luca “lo sceriffo” come viene soprannominato, accerchiato da troppe persone all'ingresso del'ospedale nonostante le regole della distanza dovute al coronavirus.

Coronavirus Campania fase 2, altolà di De Luca: «Vietato correre e fare jogging»

Coronavirus Napoli, folla sul lungomare. L’ira di De Luca: «Stop o chiudo»

Proprio in questa occasione De Luca ha ribadito con forza che «bisogna rispettare tre condizioni essenziali: mascherine sempre, lavarsi le mani sempre, mantenere il distanziamento sociale. Sono tre obblighi. Perché se si determinano nuovi assembramenti noi corriamo il rischio di vedere riaccendersi l'epidemia. Su questo bisogna essere estremamente responsabili».
 

 

Mercoledì 29 Aprile 2020, 12:25 - Ultimo aggiornamento: 15:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA