CORONAVIRUS

Coronavirus Campania, De Luca chiude le isole: «Vietato rientrare a Capri, Ischia e Procida»

Sabato 2 Maggio 2020

Vietato rientrare da altre regioni italiane o dall'estero nei luoghi di residenza, domicilio o dimora situati nelle isola di Capri, Ischia e Procida. Lo prevede un'ordinanza firmata questa sera dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, che prevede diverse misure valide dal 4 al 10 maggio, in vista quindi della fase 2. Il divieto di rientro non si applica «ai soggetti stabilmente risiedenti» nelle tre isole campane. Restano invece consentiti «gli arrivi nel territorio regionale e sulle isole del golfo di Napoli da altre regioni italiane e dall'estero, dove consentito dalle vigenti disposizioni statali, che siano motivati da comprovate esigenze di lavoro (spostamenti da e per il luogo di lavoro), di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute».  

Fase 2, in Lombardia mascherine e guanti obbligatori su bus e metro: Fontana firma l'ordinanza

Coronavirus, Zaia: «Il Veneto può aprire tutto». Oggi solo 5 morti in più, la curva rallenta

Dal 4 maggio in Campania sarà obbligatorio l'utilizzo delle mascherine nelle aree pubbliche e aperte al pubblico del territorio regionale. Lo stabilisce un'ordinanza firmata stasera dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. Non sono soggetti all'obbligo dell'utilizzo delle mascherine i bambini al di sotto dei 6 anni e i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l'uso continuativo della mascherina. «In tali ultimi casi - precisa l'ordinanza - laddove possibile, ne è comunque raccomandato l'utilizzo sotto stretta sorveglianza dei soggetti all'uopo titolati». L'ordinanza ribadisce che è consentito svolgere individualmente attività motoria all'aperto «ove compatibile con l'uso obbligatorio della mascherina», in forma individuale o con accompagnatore per i minori e le persone non completamente autosufficienti, nei pressi della propria abitazione e con obbligo di distanziamento di almeno 2 metri (salvo che si tratti di soggetti appartenenti allo stesso nucleo conviventi o minori o persone non autosufficienti) nelle seguenti fasce orarie: 6.30-8.30 e 19.00-22.00. Non è consentito svolgere attività di corsa, footing o jogging nelle aree pubbliche e aperte al pubblico. 
 

Ultimo aggiornamento: 11:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani