Mamma scomparsa, il marito di Samira è in fuga verso la Spagna

Venerdì 3 Gennaio 2020 di Marina Lucchin
1
Mamma scomparsa, il marito di Samira è in fuga verso la Spagna

PADOVA - Ha inforcato la bicicletta di prima mattina, il giorno di Capodanno, con la brina che ricopriva ancora erba e asfalto, e ha fatto perdere le tracce. Il suo cellulare non dà più segnale dalle 17 dello stesso giorno. È un giallo nel giallo la sparizione di Mohamed Barbri, 40enne marocchino di Stanghella, nella Bassa Padovana, indagato per l'omicidio e la soppressione di cadavere della moglie Samira El Attar, madre della loro figlioletta di soli quattro anni. Per gli inquirenti il sospettato è in fuga e già all'estero, in Francia, diretto in Spagna, nella speranza - forse - di raggiungere il Marocco. In un primo momento si erano vagliate anche le piste del suicidio e della faida familiare, scartate dopo i primi accertamenti. 

Mamma scomparsa a Padova, il marito di Samira indagato per omicidio esce in bici e scompare

Mamma scomparsa a Padova. «Samira uccisa in casa»: trovato l'oggetto che può provare il delitto
 


L'ALLARME
I familiari della donna, che dall'ultima settimana di dicembre, dopo l'arrivo in Italia dal Marocco di Malika, hanno eletto a campo base la piccola casetta della coppia, persa nella campagna profonda, ne hanno denunciato l'assenza ai carabinieri l'altra sera poco prima di mezzanotte. Fin da subito i rapporti tra genero e suocera sono stati particolarmente tesi: lui è accusato dell'omicidio di Samira e si ritrova sotto lo stesso tetto la mamma della moglie che vuole sapere che fine ha fatto la figlia e che, viste le indagini e la situazione, non può che incolpare il genero. Motivo per cui, ovviamente, gli ultimi giorni sono stati particolarmente difficili per il 40enne.

Da quando Malika è arrivata assieme ad altri componenti della sua famiglia, Mohamed ha cercato di rimanere il meno possibile in casa. Praticamente solo per dormire e per mangiare un boccone, possibilmente in disparte. 
Così anche la mattina di Capodanno, alle 7,30, se n'è andato: ha preso la figlioletta - da cui non si separa quasi mai - l'ha affidata alla nonna materna e ha inforcato la bicicletta. Non vedendolo tornare per pranzo, i parenti della moglie l'hanno provato a chiamare. Senza successo. Il telefonino è rimasto acceso fino alle 17. L'ultima cella agganciata è quella di Stanghella che copre un'area di qualche chilometro quadrato e dove ricade anche l'abitazione di via Statale. La stessa cella dove ha smesso di funzionare anche il telefonino di Samira il 21 ottobre scorso. 

Arrivata ormai sera, quasi mezzanotte, la famiglia El Attar ha chiamato i carabinieri segnalando l'assenza di Mohamed che non ha fatto ritorno per la notte, sottolineando anche il fatto che in casa non c'erano i documenti dell'uomo, che li avrebbe presi, dunque, prima di uscire. Cosa che ha fatto propendere quasi subito per la fuga.
 
LE RICERCHE
Gli investigatori dell'Arma si sono messi alla ricerca dell'indagato che scappando potrebbe aver aggravato la sua posizione: i carabinieri, una volta rintracciato e fermato, potrebbero richiedere un'ordinanza di custodia cautelare.
Ad aver messo in allarme i militari non è stato il suo allontanamento, visto che è indagato a piede libero e non è colpito da alcuna misura restrittiva della libertà personale. Ma che il suo cellulare risultasse staccato. Ieri mattina, quando sono partite le ricerche, non c'era traccia di lui e della sua bici. È probabile che il quarantenne marocchino sia stato aiutato da qualcuno. Sia partito con la bicicletta per non lasciare tracce e poi sia salito nell'auto del complice, che l'ha accompagnato, quindi, all'estero, nella speranza, forse, di scampare al suo destino.
In qualsiasi caso la scomparsa di Mohamed è una svolta importante per le indagini sulla sorte di Samira. La madre Fatima, da Casablanca, piange per quanto accaduto: «Prima mia nuora, che era come una figlia, ora Mohamed. Ho il cuore spezzato». 

Preoccupato anche l'avvocato difensore, Daniele Pizzi: «Sono anch'io in apprensione perché non ho la più pallida idea se si sia allontanato in maniera del tutto volontaria o se, invece, sia subentrato qualcosa di diverso che non conosciamo».

Ultimo aggiornamento: 09:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani