ALIMENTAZIONE

Dieta pre-Natale, come non ingrassare durante le feste: cibi e ricette consigliate

Giovedì 5 Dicembre 2019
Dieta pre-Natale, come non ingrassare durante le feste: cibi e ricette consigliate

Natale è alle porte e per limitare al minimo i danni degli stravizi è meglio correre al riparo in anticipo, seguendo un’alimentazione controllata. Un prezioso aiuto viene dal pesce e dalle conserve ittiche, protagonisti di una dieta pre-festività ideata dal nutrizionista Prof. Migliaccio. Il rischio di abbandonarsi a tentazioni e peccati di gola è dietro l'angolo. Come gestire al meglio appuntamenti conviviali in famiglia, cene e aperitivi con colleghi e amici, tentazioni gastronomiche ricevute in dono? Vari studi dimostrano che in questo periodo si ha un aumento di peso che poi è difficile da eliminare. «A far oscillare l’ago della bilancia non sono solo pranzi e cenoni, ma anche l’abitudine di mangiucchiare di continuo e la mancanza di attività fisica, fenomeni tipici di questo periodo», ha detto Migliaccio.

Attività fisica, in palestra? Sì ma dopo le feste: le scuse più ricorrenti per sfuggire al movimento
 

 

«In un regime corretto ed equilibrato, il pesce gioca un ruolo fondamentale grazie alle sue proprietà - continua il nutrizionista. Può considerarsi, infatti, un alimento quasi perfetto per il suo ottimale contenuto proteico, cioè il rapporto tra la elevata quantità di proteine e il ridotto apporto calorico. Il pesce rappresenta la fonte principale di Omega 3 a catena lunga che il nostro organismo utilizza per numerosissime funzioni legate al nostro benessere ma che non è in grado di produrre da solo».

Prediligere un regime alimentare con prevalenza di pesce ha molti effetti benefici per la nostra salute, grazie alla presenza anche di sali minerali come calcio, fosforo e iodio, oltre alla vitamina A, vitamine del gruppo B e vitamina D. «Tutti questi elementi rendono il pesce alimento ideale anche in una dieta preventiva in vista di eccessi a tavola. Soprattutto il pesce azzurro si rivela di alto profilo nutrizionale a fronte di un contenuto calorico ridotto. Quindi via libera a tonno, acciughe, sardine, sgombro e salmone in conserva, che sono anche più pratici e versatili in cucina».

La dieta del prof. Migliaccio. È una dieta base di 1100 chilocalorie che, se ripetuta per due settimane, ci consentirà di perdere fino a due chili prima di Natale, anche se -  specifica Migliaccio «questo regime alimentare può essere seguito solo da persone sane e senza nessun particolare problema di salute». A colazione è possibile scegliere tra un bicchiere di latte parzialmente scremato, caffè a piacere con due fette biscottate (o una fetta con un cucchiaino di marmellata o 4 biscotti secchi), oppure sostituire a latte e caffè, un tè con un cucchiaino di miele.

Per gli spuntini di metà mattina, prediligere frutta fresca come un kiwi, una mela o un’arancia oppure un cappuccino con un cucchiaino di miele (o in alternativa una spremuta d’arancia). Mentre a metà pomeriggio, va bene una di queste opzioni, secondo il gusto personale: un pacchetto di crackers da 25 g, uno yogurt magro da 125 g, una barretta di cereali di 20 g, della frutta secca o un tè con biscotti. In queste due settimane, a pranzo e a cena è concesso un secondo piatto con contorno: uova, legumi, formaggi una volta a settimana e pesce fresco o in conserva come tonno, sardine, sgombro, acciughe e salmone.

Misura subito il tuo girovita, potresti essere a rischio demenza: l'allarme giunge dall'Asia

E per rendere meno pesanti le rinunce alimentari pre-natalizie, sulla base delle indicazioni del Prof. Migliaccio la food blogger Simona Novarini ha ideato delle preparazioni leggere ma gustose: Involtino di verza con tonno in scatola e mandorle, Insalata tiepida con alici in conserva, puntarelle, olive taggiasche e frutta secca, Crema di topinambur con salmone in scatola e sesamo tostato, Tortino di ricotta al forno con sardine sott’olio ed erbe aromatiche, Bulgur al limone con sgombri sott’olio e zenzero. 

Ultimo aggiornamento: 6 Dicembre, 11:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma