Nuova Zelanda, il dolore di Sonny Bill Williams, primo All Black musulmano

Venerdì 15 Marzo 2019 di Paolo Ricci Bitti
Sonny Bill Williams

Sonny Bill Williams è il primo - e unico - All Blacks musulmano ed è subito intervenuto per esprimere il proprio dolore per le vittime degli attacchi alle moschee a Christchurch, in Nuova Zelanda, e la propria solidarietà ai familiari delle persone uccise dai suprematisti bianchi.

 

Due volte campione del mondo con la nazionale di rugby della Nuova Zelanda, finalista anche ai mondiali di rugby league nonché professionista nella boxe nella categoria dei massimi dove è campione iridato per la Wba, SBW è il rugbysta più popolare nel mondo dopo il compianto Jonah Lomu. Un eletto fra gli eletti degli All Blacks, la bandiera più conosciuta della Nuova Zelanda dalla fine del 1800.

LEGGI ANCHE: Nuova Zelanda, chi è il killer delle moschee: Brenton Tarrant, 28 anni, suprematista bianco

Il suo eclettismo non ha pari, così come la sua classe nel ruolo di trequarti centro che interpreta in maniera assai spettacolare. La famiglia ha radici samoane, ha 34 anni e 51 presenze (caps) in nazionale Tutta Nera. Ha avuto qualche problema con l'alcol, poi il rientro in carreggiata grazie anche alla conversione all'Islam nel 2008. Ha già compiuto un pellegrinaggio alla Mecca ed è molto attivo nelle iniziative di volontariato e di solidarietà per i profughi del medio oriente dove è stato in missione.

In un lungo videomessaggio postato su twitter, il campione si mostra sconvolto per quanto accaduto a Christchcurch e offre la sua preghiera per le vittime e i loro familiari. Come tutti i neozelandesi è stato preso in totale contropiede da un attacco terroristico che non ha precedenti nella storia del paese.

Ultimo aggiornamento: 11:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma