Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Mayer, il figlio d'arte
«Ho vinto senza accorgermene»

Mayer, il figlio d'arte «Ho vinto senza accorgermene»
di Mario Nicoliello
1 Minuto di Lettura
Domenica 9 Febbraio 2014, 17:19 - Ultimo aggiornamento: 17:20
Il figlio d’arte ha strabiliato sulla pista di Rosa Khutor. Il ventitreenne Matthias Mayer ha vinto il titolo olimpico della discesa libera battendo per soli sei centesimi il nostro Christof Innerhofer. Grande soddisfazione in casa Austria, perché il Wunderteam torna sul trono della discesa olimpica dodici anni dopo il successo di Fritz Strobl a Salt Lake City. Matthias Mayer è il figlio di Helmuth, argento in superG alle Olimpiadi di Calgary 1988: “È incredibile, con questa pista ho trovato un feeling particolare che quasi ho vinto senza accorgermene. Il mio sogno si è avverato perché ho creduto nei miei mezzi”, ha dichiarato il vincitore.



Mayer è diventato campione olimpico senza aver vinto una gara di Coppa del Mondo. In precedenza era salito due volte sul podio in superG. La sua vittoria non è comunque una sorpresa perché nelle prove aveva sempre brillato.
© RIPRODUZIONE RISERVATA