Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coppia di insospettabili arrestata con 11 chilogrammi di cocaina

Coppia di insospettabili arrestata con 11 chilogrammi di cocaina
2 Minuti di Lettura
Giovedì 21 Luglio 2022, 09:14 - Ultimo aggiornamento: 09:41

Due insospettabili arrestati da personale della Polizia di Stato di Frosinone con 11,2 chilogrammi di cocaina. I poliziotti della squadra mobile hanno tratto in arresto un uomo ed una donna, rispettivamente di 38 e 40 anni, che dovranno rispondere del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

«Gli investigatori - si legge in una nota della Questura - avevano appreso dell’arrivo di un carico di stupefacenti dal nord Italia diretto alle piazze di spaccio del basso Lazio, riuscendo a ricostruire la targa parziale del veicolo utilizzato per il trasporto, ed hanno iniziato una serie di servizi mirati lungo la rete autostradale».

 Individuata e fermata l'auto sospetta nei pressi di Arezzo, è stato chiesto l'ausilio di unità cinofile. Tuttavia i cani non riuscivano a fiutare lo stupefacente in quanto  la stessa sostanza era stata  coperta da uno strato di silicone e di detersivo al fine di coprirne l’odore e rendere così difficile l’individuazione ai cani antidroga.

A insospettire gli investigatori, però, delle difformità nella   carrozzeria interna. Da lì il trasferimento dell'auto a Civitavecchia, dove grazie  all’ausilio di uno scanner si notava la presenza di materiale in una  intercapedine dell’autovettura. Si trattava di 10 involucri contenenti cocaina.

Video


La sostanza stupefacente è stata sottoposta a sequestro e dalle prime analisi è risultata essere purissima, marchiata con la sigla impressa ”T55”, tanto che una volta immessa sul mercato avrebbe fruttato una somma intorno ai due milioni di euro. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA