Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Carabinieri, celebrata la festa dell'Arma a Frosinone. I riconoscimenti, tutti i nomi

Il picchetto schierato nella villa comunale
di Giovanni Del Giaccio
3 Minuti di Lettura
Lunedì 6 Giugno 2022, 14:41 - Ultimo aggiornamento: 14:43

 Celebrato nella villa comunale di Frosinone il 208° annuale di fondazione dell'Arma dei carabinieri. In provincia sei compagnie, cinquantacinque stazioni con oltre settecento uomini per contribuire, giorno dopo giorno, a garantire la sicurezza e l’ordinata convivenza civile sul territorio, anche grazie all’ausilio dei carabinieri forestali che operano specificatamente a tutela dell’ambiente, del territorio e delle acque, nonché nel campo della sicurezza e dei controlli nel settore agroalimentare, con un comando di gruppo e 14 stazioni.

Dopo gli onori iniziali è stata data lettura del messaggio del Presidente della Repubblica e del comandante generale dell’Arma. Il comandante provinciale, colonnello Alfonso Pannone, ha salutato con gratitudine tutte le numerose autorità civili, religiose e militari presenti, gli ufficiali, marescialli, brigadieri, appuntati e carabinieri ed i loro familiari, i delegati degli organi della rappresentanza militare, nonché i rappresentanti dell’Associazione nazionale carabinieri. Inoltre ha rivolto un caloroso saluto agli orfani, alle vedove ed ai parenti  dei militari caduti.

Il colonnello Pannone ha evidenziato come i due anni in cui ha ricoperto l’incarico di comandante provinciale siano stati particolarmente faticosi a causa della pandemia che ha messo a dura prova tutti, ma soprattutto, sono stati anni in cui si è pagato un caro prezzo in numero di vite, anche da parte dei carabinieri del comando provinciale di Frosinone che ha perso due validi militari, il luogotenente Massimo Paris e l’appuntato scelto Roberto Ceci, comandante e addetto della stazione di Guarcino.  

Il colonnello Pannone ha, poi, sottolineato il bilancio positivo dell’attività operativa, che conferma l’incessante impegno del comando provinciale volto a contrastare i fenomeni e le manifestazioni criminose che incidono a vario titolo sulla sicurezza e sull’ordinata e civile convivenza, con una attività investigativa sempre più incisiva, e con una più capillare attività di vigilanza del territorio 

Sottolineata la costante sinergia condivisa  con le altre forze di polizia «grazie al prezioso ed instancabile indirizzo del prefetto Ernesto Liguori e in particolare i rapporti di fattiva collaborazione con il questore,  Domenico Condello  e con il comandante provinciale della Guardia di Finanza,  Cosimo Tripoli. Dal punto di vista investigativo di fondamentale importanza è stata la piena sintonia con le Procure della Repubblica di Frosinone e di Cassino»

Durante la cerimonia si è proceduto alla consegna delle attestazioni di merito concesse ad alcuni carabinieri  distintisi in attività di servizio 

© RIPRODUZIONE RISERVATA