Macellano in casa, le urla del maiale fanno accorrere la polizia

E’ stata scoperta dagli agenti della polizia locale di Anzio, la macellazione abusiva di un grosso maiale nella zona di Lavinio. Avvisati da alcuni residenti della zona allarmati per dei forti grugniti di dolore sentiti provenire da una abitazione di Lavinio. Immediatamente intervenuti sul posto gli agenti diretti dal comandante Sergio Ierace, hanno trovato un suino appena sgozzato in un giardino nelle adiacenze dell’abitazione di quattro rumeni, in assenza di qualsiasi requisito di igiene, sicurezza e salute accertando subito dalle successive ispezioni che il povero maiale era stato ucciso senza alcun preventivo stordimento da eseguirsi al fine di non infliggere inutili sofferenze. Immediato l’intervento della Asl, richiesta dai funzionari della polizia locale.

Che non solo ha accertato la morte dell’animale, ma anche la modalità cruenta con la quale la stessa è stata provocata. Era assente infatti il foro di sparo previsto per l’abbattimento autorizzato di tali animali per il tramite di proiettile captivo, fatto che avrebbe permesso il previsto rapido stordimento dell’animale, evitando cosi le inutili sofferenze riscontrate.

Nel contempo le ulteriori attività investigative hanno potuto accertato la provenienza dell’animale da un allevamento della zona autorizzato, sulle cui modalità di vendita e trasporto sono in corso ulteriori attività, atte a verificarne la regolarità. Sono quindi state denunciate per maltrattamento di aninali e macellazione clandestina,  le cinque persone presenti, 4 cittadini romeni, e un italiano, che lo ha trasportato lì, tra i 35 e i 40 anni, coinvolte nella macellazione abusiva per la quale è prevista la pena dell’arresto da 6 mesi ad 1 anno o un’ammenda fino a 150.000 euro.


LE VOCI DEL MESSAGGERO

Viaggiare e lavorare, vita da nomade digitale

di Mauro Evangelisti