UniCredit lancia Save4Women: l’educazione finanziaria al femminile

4 Minuti di Lettura
Giovedì 24 Giugno 2021, 16:57 - Ultimo aggiornamento: 18:39

In Italia, più che in altri Paesi, esiste un divario di genere in termini di alfabetizzazione finanziaria: gli uomini si attestano - su una scala da 1 a 21 - su un punteggio di 11,44 rispetto al 10,95 delle donne. L'Italia è inoltre l'unico tra i Paesi Ocse in cui il gender gap nell'alfabetizzazione finanziaria comincia già a 15 anni. Le donne infatti mostrano una minore conoscenza della propria situazione economica e degli strumenti per gestirla seppur 2/3 del budget familiare è gestito da donne e il 40% della ricchezza globale è detenuta dal genere femminile. Le stesse hanno una generale minore abitudine a tenere traccia delle proprie spese e si occupano meno degli aspetti finanziari generali, pur dimostrandosi più sensibili all'idea di risparmio per fronteggiare imprevisti e garantirsi il "benessere economico".

Da qui l'obiettivo del progetto Save4Women di UniCredit, che punta a creare maggiore consapevolezza nelle donne sul rapporto che esiste tra potere decisionale e competenze economiche e finanziarie.

"Il Progetto di sensibilizzazione e financial education che lanciamo oggi in Italia - ha dichiarato Remo Taricani, Responsabile Retail Italy di UniCredit - è un altro tassello di un più ampio impegno di UniCredit nel valorizzare il talento femminile: come azienda stiamo lavorando per incrementare la rappresentanza femminile sia nel senior management che a livello dirigenziale. Continueremo a focalizzarci sulla diversità e l'inclusione con responsabilità, orgogliosi anche dall'inserimento di UniCredit nell'indice Bloomberg GEI insieme ad altre società che stanno dando un chiaro esempio nel promuovere le donne in ambito lavorativo. Nel 2019 abbiamo sottoscritto la Women in Finance Charter per sostenere la diversità di genere nel settore finanziario e il nostro obiettivo è quello di avere almeno il 20% di ruoli di alta dirigenza ricoperti da donne entro il 2022 e il 30% nel 2023".

Il progetto si articola in 6 Digital Talk moderati da Chiara Tagliaferri, autrice del podcast Morgana con Michela Murgia, e in 6 video di Educazione Finanziaria realizzati con Irene Facheris, formatrice ed esperta di gender studies, identità di stereotipi di genere, sessismo, femminismo e diritti Lgbtq.

I Digital Talk coinvolgeranno imprenditrici, avvocate, economiste, linguiste, filosofe, esperte di terzo settore, psicologhe ed esperte della banca che approfondiranno le origini delle differenze di genere nell'educazione economica e finanziaria e l'impatto, spesso sottovalutato, che tale educazione ha sul potere e l'inclusione femminile e nella prevenzione della violenza economica.

Di seguito il programma dei prossimi due Digtal Talk:

-   30 giugno - Modelli femminili, prevenzione della violenza economica ed educazione finanziaria. Un percorso che inizia fin dall'infanzia per costruire un'immagine femminile positiva e favorire le occasioni di crescita per le donne di oggi e di domani. Al dialogo prenderanno parte Elvira Reale, psicologa clinica, esperta di salute delle donne, responsabile del Centro Dafne per le vittime di violenza, Ospedale Cardarelli di Napoli; Consulente della Commissione Femminicidio al Senato che ha pubblicato numerosi libri per la Franco Angeli 'La violenza invisibile sulle donne', Francesca Cavallo, autrice di bestseller, imprenditrice e attivista. I suoi libri, "Storie della Buonanotte per Bambine Ribelli", "Elfi al quinto piano", "Il Dottor Li e il Virus con in Testa una Corona", sono pubblicati in più di 50 lingue e hanno venduto più di 5 milioni di copie, e Anna Maria Pirozzi, Area Smart Personal Sud di UniCredit.

-   7 luglio: Lavoro, integrazione sociale e competenze finanziarie - Al talk parteciperanno Maura Gancitano, scrittrice, filosofa e fondatrice di Tlon, scuola di filosofia, casa editrice e libreria teatro. Si occupa di parità di genere, diversità e inclusione, spazi pubblici digitali e comunicazione culturale, e collabora con numerose università e istituzioni. Ha scritto insieme ad Andrea Colamedici diversi libri, tra cui "La Società della Performance", "Liberati della brava bambina. Otto storie per fiorire" e "Prendila con Filosofia. Manuale di fioritura personale", Loredana Introini, consulente strategico e per la progettazione nelle organizzazioni no-profit, settore in cui opera dal 1999, componente del comitato scientifico del Centro Studi ed Iniziative Culturali Pio La Torre e Francesca Cannaò, Area Manager Retail Catania di UniCredit.

Chi desidera partecipare ai Digital Talk può iscriversi direttamente al seguente link: www.unicredit.it/save4women

© RIPRODUZIONE RISERVATA