Terna, lancia bond da 500 milioni con cedola allo 0,125%

Giovedì 18 Luglio 2019
Terna ha lanciato oggi con successo un'emissione obbligazionaria in euro destinata a investitori istituzionali. L’emissione, si legge in un comunicato, ha ottenuto grande favore da parte del mercato con una richiesta di circa 4 volte l’offerta. Il bond è stato messo nell’ambito del proprio Programma Euro Medium Term Notes (EMTN) da Euro 8 miliardi, a cui è stato attribuito un rating “BBB+” da Standard and Poor’s, “(P)Baa2” da Moody’s, “BBB+” da Fitch e “A-” da Scope e ammonta a 500 milioni di euro.
 
Il bond ha una durata pari a 6 anni e scadenza in data 25 luglio 2025 e pagherà una cedola pari a 0,125%, la più bassa per un’obbligazione di una corporate italiana con durata sopra i 5 anni. L'obbligazione sarà emessa a un prezzo pari a 99,245, con uno spread di 45 punti base rispetto al midswap e uno spread indicativo più basso di circa 70 bps rispetto al Btp di pari durata.

Il costo effettivo per Terna dell’emissione risulta, quindi, pari a 0,25% rispetto a un costo medio complessivo del debito netto consolidato di Piano pari all’1,6%. Per il bond sarà presentata richiesta per l’ammissione a quotazione alla Borsa del Lussemburgo.
 
L’operazione, a copertura delle esigenze del Piano Industriale del Gruppo, rientra nella strategia finanziaria di Terna, finalizzata alla massima efficienza e a una gestione proattiva dell’indebitamento volta a cogliere tutte le opportunità offerte dal mercato dei capitali.
 
L’emissione obbligazionaria è stata collocata da un sindacato di banche composto da Banca Akros, Banca IMI, BNP Paribas, Morgan Stanley, Société Générale, SMBC Nikko e UniCredit nel ruolo di joint lead managers e joint bookrunners.

  Ultimo aggiornamento: 20:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Tutti in fila per la macchina mangia-plastica (che però è rotta)

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma