Opzione donna, salta il pensionamento anticipato legato al numero di figli: sarà prorogata la norma originaria

Manovra in Parlamento a inizio settimana, ma è polemica sulle coperture

Opzione donna, salta il pensionamento anticipato legato al numero di figli: sarà prorogata la norma originaria
4 Minuti di Lettura
Venerdì 25 Novembre 2022, 20:05

Dietrofront su Opzione donna. Sembra destinata a saltare la modifica introdotta dal governo in manovra che avrebbe legato la possibilità di pensionamento anticipato per le lavoratrici al numero dei figli. Si tornerebbe alla norma originaria, prorogata per un altro anno. Un passo indietro che potrebbe essere stato dettato dai rischi di incostituzionalità (sollevati da giuristi esperti in materia) e che si va ad aggiungere alle perplessità sulle coperture.

Pensioni, nuove rivalutazioni con aumenti tagliati dai 2.100 euro in su: ecco le fasce

Opzione donna, dietrofront del governo sulla modifica

Intanto non si è ancora concluso il lavoro sul testo, approvato lunedì ma non ancora arrivato in Parlamento, dove è ormai atteso all'inizio della prossima settimana. La novità su Opzione donna era emersa durante il varo della manovra in consiglio dei ministri: «Prorogata per il 2023 con modifiche: in pensione a 58 anni con due figli o più, 59 con un figlio, 60 altri casi», si spiegava nel comunicato di Palazzo Chigi. Nella bozza circolata poi nei giorni scorsi l'articolo però risultava ancora vuoto. E ora si scopre il motivo: al ministero del Lavoro, infatti, si starebbe lavorando per confermare fino al 31 dicembre 2023 la precedente norma (pensione anticipata per le lavoratrici con 35 anni o più di contributi e almeno 58 anni d'età per le dipendenti e a 59 anni per le autonome): la proposta sarebbe all'attenzione del Ministero dell'economia, si spiega, per le coperture.

Ma il vero nodo non sarebbero le risorse: la modifica sarebbe nata originariamente per ottenere dei risparmi restringendo la platea; ma poi si sarebbe visto che i risparmi non erano così determinanti. Anche nella versione originaria, Opzione donna vale infatti un centinaio di milioni di euro, cifra non esorbitante considerando i volumi complessivi della manovra. Rischiavano invece di diventare problematici i rilievi sull'aspetto «penalizzante» delle norma. Ad alzare l'allarme anche alcuni costituzionalisti, secondo i quali una distinzione di questo tipo avrebbe potuto portare a sollevare la violazione del principio di uguaglianza. Una norma «discriminatoria», la bolla il Pd, che plaude al passo indietro, pur rimarcando «le criticità di opzione donna». Una misura dal «deciso sapore di Ventennio che si è infranta di fronte alla Costituzione», aggiunge il M5s. Che promette battaglia in Parlamento nel caso il governo dovesse cambiare ancora idea. Opposizioni che prendono la palla al balzo anche per accusare l'esecutivo di «pressapochismo».

Manovra, polemica sulle coperture

Ma la manovra finisce al centro delle critiche anche per come sono state specificate le coperture. Nelle tabelle del Dpb, oltre a pensioni, Reddito e superbonus, figurano circa 15-16 miliardi di risorse tra entrate e tagli di spesa denominate "altre" coperture, senza dettagli. Non compaiono nemmeno gli extraprofitti, che dovrebbero "fruttare" circa 6 miliardi. «Ho visto tanti Dpb, ma uno in cui ci sono 16 miliardi di coperture sotto la voce "altro", quello no, non l'avevo mai visto», commenta il deputato di Azione Italia Viva Luigi Marattin. Una situazione «senza molti precedenti», gli fa eco dal Pd Antonio Misiani, che sospetta che dietro quelle voci generiche «si nascondano pesanti tagli di spesa e nuove tasse non meglio specificate». «Numeri in libertà», aggiunge Mario Turco del M5s, che si chiede come farà Bruxelles a valutare un documento «così vago e inconsistente». Intanto sulla manovra pende l'incognita tempo. Con i giorni che passano in attesa del testo definitivo, si assottiglia lo spazio a disposizione per l'esame in Parlamento. La legge di bilancio dovrebbe arrivare all'inizio della prossima settimana: entro martedì è attesa alla Camera e successivamente si capirà il timing, che si punta a chiudere a Montecitorio, in meno di un mese, entro Natale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA