Multe, ecco come rottamarle e quando è previsto lo stralcio: richieste entro il 30 aprile 2023

Con la rottamazione delle multe non vengono cancellate le sanzioni da pagare all'Agenzia delle Entrate riscossione
di Roberta Amoruso
4 Minuti di Lettura
Domenica 22 Gennaio 2023, 16:51 - Ultimo aggiornamento: 21:31

Ci sono anche le multe tra i debiti con cui mettersi in regola con la rottamazione quater prevista dalla Legge di Bilancio 2023. Ma in questo caso, i paletti sono un po’ diversi.

COME FUNZIONA LA ROTTAMAZIONE

La Legge n. 197/2022 stabilisce, infatti, che i benefici previsti dalla Definizione agevolata, siano applicati ai debiti risultanti dai carichi affidati all’Agente della riscossione nel periodo dal 1° gennaio 2000 al 30 giugno 2022. Chi aderisce dovrà pagare unicamente le somme dovute a titolo di capitale e quelle maturate a titolo di rimborso spese per le eventuali procedure esecutive e per i diritti di notifica. Non saranno invece da corrispondere le somme dovute a titolo di interessi iscritti a ruolo, sanzioni, interessi di mora e aggio.

Sì ALLE SANZIONI

Per quanto riguarda i debiti contenuti nei carichi relativi alle sanzioni per violazioni del Codice della strada, nonché alle altre sanzioni amministrative (diverse da quelle irrogate per violazioni tributarie o per violazione degli obblighi relativi ai contributi e ai premi dovuti agli enti previdenziali), l’accesso alla misura agevolativa prevede, invece, che non siano da corrispondere unicamente le somme dovute a titolo di interessi compresi quelli di cui all’art 27, sesto comma, della Legge n. 689/1981 (cosiddette “maggiorazioni”), quelli di mora di cui all’art. 30, comma 1, del DPR n. 602/1973 e di rateizzazione, nonché le somme dovute a titolo di aggio. Quindi, contrariamente a quanto previsto per gli altri debiti compresi nella sanatoria, non c’è nessuno sconto sulla sanzione, e sulla cartella per violazione del codice della strada si pagherà quindi la sanzione amministrativa (l’importo della multa) scontata degli interessi, questo perché il debito, contrariamente a quanto accade per le altre pendenze incluse nella sanatoria, non è un tributo ma una sanzione, pertanto non può valere la regola generale.

Cartelle esattoriali e multe, rottamazione online 2023. Dalla domanda alle scadenze fino alle rate, ecco come fare

COME FARE DOMANDA

Per aderire alla sanatoria occorrerà seguire una delle due procedure online accessibili dal sito dell'Agenzia delle Entrate-Riscossione e previste entro il 30 aprile 2023. La domanda di adesione potrà essere presentata on-line in area riservata con le credenziali Spid, Cie e Carta Nazionale dei Servizi e in questo caso si riceverà una e-mail di presa in carico con allegata la ricevuta di presentazione della domanda di adesione. In alternativa la domanda potrà essere presentata sempre on-line sul sito dell'Agenzia delle Entrate-Riscossione in area pubblica compilando il form e allegando la documentazione di riconoscimento. In questo caso si riceverà una prima e-mail all’indirizzo indicato, da convalidare entro le successive 72 ore. Dopo la convalida della richiesta, una seconda e-mail indicherà la presa in carico, con il numero identificativo della pratica e il riepilogo dei dati inseriti. Infine, se la documentazione allegata è corretta, una terza e-mail con allegata la ricevuta di presentazione della domanda di adesione.

 

IL PAGAMENTO

È possibile pagare gli importi: in un’unica soluzione, entro il 31 luglio 2023; oppure, in un numero massimo di 18 rate (5 anni), con l’applicazione degli interessi al tasso del 2 per cento annuo, a decorrere dal 1° agosto 2023. In caso di omesso ovvero insufficiente o tardivo versamento, superiore a cinque giorni, anche di una sola rata, la Definizione agevolata risulta inefficace e i versamenti effettuati sono considerati a titolo di acconto sulle somme dovute.

ROTTAMAZIONE RUOLI FINO A MILLE EURO

La legge di bilancio 2023 prevede anche l’annullamento automatico, alla data del 31 marzo 2023, senza alcuna richiesta da parte del contribuente, dei singoli dei ruoli esattoriali affidati dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2015, di importo residuo fino a mille euro. Per quanto riguarda le sanzioni per violazioni del Codice della strada e le altre sanzioni amministrative, lo “Stralcio” si applica limitatamente agli interessi, comunque denominati, e non annulla le sanzioni e le somme maturate a titolo di rimborso delle spese per le procedure esecutive e di notifica della cartella di pagamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA