Jabil in crisi, 350 licenziamenti nel casertano

Lunedì 24 Giugno 2019
Dopo il caso Whirlpool a Napoli, un secondo fronte caldo per il mondo del lavoro si apre nel Casertano. La Jabil Circuit Italia, multinazionale statunitense delle tlc con stabilimento nell'area industriale di Marcianise, ha annunciato, infatti, di aver avviato la procedura di licenziamento collettivo per 350 addetti del sito casertano. Procedura «essenziale - spiega la nota della società - per assicurare l'operatività futura del sito di Marcianise in un ambiente di mercato altamente concorrenziale». Il ministero dello Sviluppo Economico ha subito convocato il tavolo di crisi per giovedì 27 giugno. La decisione, a detta dei vertici aziendali, dovrebbe garantire la permanenza nel Casertano della multinazionale, salvando lo stabilimento dalla chiusura.

Pessimisti i sindacati, visto che la crisi della Jabil, che aveva acquistato il sito produttivo di Marcianise dalla Siemens, va avanti da anni. Per domani hanno così proclamato uno sciopero di otto ore. Nel 2015 l'azienda provò a risollevarsi comprando lo stabilimento della Ericsson, ubicato nel vicino comune di San Marco Evangelista. La fusione portò a un incremento delle unità lavorative, arrivate quasi a 1000, e a numerosi esuberi. Fu poi firmato un accordo con i sindacati che incentivava l'esodo volontario dei lavoratori, con possibilità di ricollocare presso altre aziende le unità uscite dal processo produttivo. In totale negli ultimi quattro anni, gli addetti Jabil si sono così
ridotti di 300 unità, tra esuberi e dimissioni, mentre quelli rimasti hanno affrontato la cassa integrazione, tuttora in
vigore e in scadenza a settembre prossimo.

Massimiliano Guglielmi, leader campano della Fiom-Cgil, parla «di un'altra bomba sociale pronta ad esplodere dopo il caso Whirlpool, peraltro in un territorio come quelle casertano che ha le stesse problematiche di Napoli e provincia. L'azienda e le istituzioni devono dare risposte immediate ai lavoratori, anche perché tra due mesi scade la cassa integrazione».

«Dopo Whirlpool - dice il segretario regionale dei metalmeccanici della Uil Antonello Accurso - anche la Jabil di Marcianise sceglie la via della drammatizzazione con un atto unilaterale che rischia di compromettere gli sforzi fatti in questi anni. Aprire una procedura di licenziamento per 350 lavoratori su 700, vuol dire colpire pesantemente la prospettiva industriale e l'occupazione di un territorio già martoriato negli anni».

  Ultimo aggiornamento: 20:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Book crossing”, a Roma a volte non funziona

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma