Manovra, arrivano i tagli ai ministeri: meno mezzo miliardo per la Difesa

Mercoledì 10 Ottobre 2018
Con la manovra arrivano i tagli ai ministeri. Secondo quanto si apprende ammontano a circa 500 milioni di euro i tagli che saranno predisposti per il 2018-2019 alla Difesa. Le misure riguarderanno la sospensione di alcuni programmi (gli elicotteri NH90, i missili Camm Er ed il cosiddetto 'Pentagono italianò), ma non saranno toccati, precisano fonti della Difesa, «gli stipendi del personale e tutto ciò che riguarda la sicurezza del Paese interna ed esterna».

LEGGI ANCHE Manovra, l'allarme di Fitch: «Rischi considerevoli». Di Maio: «Bocciatura ci fa piacere»

La sospensione del programma per gli elicotteri NhH-90 per il biennio 2018-2019 vale 370 milioni di euro; quella del programma missilistico Camm Er ammonta a 39 milioni, mentre lo stop al cosiddetto 'Pentagono italianò da realizzare nell'area che ora ospita il Comando operativo di vertice interforze presso l'aeroporto di Centocelle (Roma), sempre per i due anni considerati, porterà ad un risparmio di 49 milioni di euro. Complessivamente, per quest'ultimo programma, è prevista la spesa di un miliardo e cento milioni di euro fino al 2032. Verrà comunque mantenuto lo stanziamento per la realizzazione degli alloggi militari.  
© RIPRODUZIONE RISERVATA