Lavoro, "Rain Man" arriva a Bologna: quattro persone con disabilità assunte nel centro Alstom

Mercoledì 21 Novembre 2018
Al via a Bologna il progetto "Rain Man", un modello di inclusione nel mondo del lavoro di persone con importanti disabilità, affette da autismo.

Il progetto, che si rifà nel nome al celebre film con Dustin Hoffman, è nato nel 2017 da una collaborazione fra la Usl di Bologna, l'Angsa di Bologna, associazione che riunisce i famigliari delle persone con autismo, e la sede bolognese di Alstom, centro d'eccellenza per la progettazione e realizzazione di soluzioni per il segnalamento ferroviario.

Il progetto coinvolge quattro uomini fra i 18 ed i 42 anni, tutti accomunati da una diagnosi, disturbo dello spettro autistico ad alto funzionamento, e da una comune situazione lavorativa, assunti a tempo indeterminato come verificatori degli impianti di sicurezza nei sistemi ferroviari.

L'iniziativa è stata presentata oggi, 21 novembre, in conferenza stampa da Ingrid Bonsi, analista del comportamento Azienda USL di Bologna, Marialba Corona, Presidente Angsa Bologna, alla presenza di altri dirigenti dell'Azienda USL di Bologna, assieme a Gabriella Morra, Direttore Risorse Umane Segnalamento, Sistemi e Infrastrutture Alstom Italia, e Francesco Zoletto, Responsabile Verifiche, Validazione e Test dei sistemi ferroviari Alstom Italia.

Accompagnati dagli educatori del Dipartimento di Salute Mentale dell'Azienda USL di Bologna e da un team di ingegneri Alstom, i protagonisti del progetto Rain Man hanno compiuto due semestri di tirocinio professionale per acquisire le competenze di analista programmatore, per poi essere assunti a tempo indeterminato. Un quinto partecipante al progetto terminerà il tirocinio il 31 dicembre 2018. Ultimo aggiornamento: 14:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La realtà virtuale dei grillini e i problemi (reali) della città

di Simone Canettieri