Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gas, Mosca blocca il nuovo gasdotto Nord Stream: «Stop di tre giorni per riparare la turbina». E il prezzo sale

Gas, Mosca blocca il nuovo gasdotto Nord Stream: «Stop di tre giorni per riparare la turbina». E il prezzo sale
5 Minuti di Lettura
Venerdì 19 Agosto 2022, 19:18 - Ultimo aggiornamento: 20 Agosto, 07:54

La Russia torna a mettere pressione all'Europa attraverso il gas: Gazprom ha comunicato l'interruzione completa delle forniture da Nord Stream per tre giorni, dal 31 agosto al 2 settembre. Ufficialmente, ancora una volta, per questioni tecniche, legate alla «manutenzione», ma si tratta dell'ultimo di una lunga serie di stop che hanno messo in grande difficoltà i Paesi Ue. Di fatto, un ricatto energetico brandito da Mosca come rappresaglia agli sponsor di Kiev e alle sanzioni. Non a caso dopo la nuova stretta dei russi il prezzo del gas ha toccato un nuovo record ad Amsterdam, schizzando ad un massimo di 262,78 euro al megawattora (+9,04%) per poi chiudere a 244,55. Un andamento che lascia presagire, alla riapertura dei mercati lunedì, nuovi rialzi.

Gazprom, l'annuncio dello stop

Sul fronte del conflitto si scorge invece un pò di sereno tra le nubi che si addensano sopra Zaporizhzhia perché Vladimir Putin, durante un colloquio telefonico con Emmanuel Macron, ha dato il via libera alle ispezioni dell'Aiea alla centrale nucleare. Ma la situazione nella zona resta comunque allarmante, perché Kiev teme che i russi vogliano scollegare la centrale dalla rete ucraina, privandola dell'energia elettrica prodotta lì. Lo stop alle forniture dal gasdotto che passa dalla Germania, annunciato da Gazprom in una nota, è stato motivato con la necessità di «riparare l'unica unità di compressione rimasta in funzione». Al «completamento dei lavori e in assenza di malfunzionamenti tecnici dell'unità - ha aggiunto il colosso energetico russo - le forniture di gas verranno riprese al volume di 33 milioni di metri cubi al giorno». Che si tratti di un effettivo problema tecnico oppure di una nuova rappresaglia politica, con quest'ennesima mossa a sorpresa Putin si è ripreso ancora una volta il centro della scena. Di fatto rivendicando di aver ancora lui il coltello dalla parte del manico nella contesa con l'Occidente sull'Ucraina.

Il segnale di Putin

Lo zar ha dato un segnale anche su Zaporizhzhia, dove sono sempre più alti i rischi di un incidente dalle conseguenze gravissime per via dei bombardamenti sulla centrale, di cui Mosca e Kiev si accusano a vicenda. Il leader russo, nella telefonata con il capo dell'Eliseo, ha dato il via libera alle ispezioni dell'agenzia internazionale per l'energia atomica all'impianto. E soprattutto, come ha reso noto l'Eliseo al termine della telefonata, ha accettato che la squadra di ispettori possa raggiungere la centrale attraverso l'Ucraina, non più arrivando dalla Russia. La missione tuttavia, secondo fonti russe dell'Aiea, potrebbe partire non prima di settembre. Il gesto apparentemente distensivo dello zar (motivato dalla necessita di prevenire «una catastrofe su larga scala», per usare le parole di Putin) in ogni caso non allenta l'allarme intorno alla centrale. I russi, che la controllano da marzo, hanno respinto ancora una volta gli appelli dell'Onu e degli occidentali a smilitarizzare l'area, affermando che soltanto i loro sistemi di difesa «la proteggono dal disastro». Ma la Cnn ha mostrato le immagini di mezzi militari pericolosamente parcheggiati all'interno della sala turbine connessa a uno dei reattori. Inoltre l'ente nazionale ucraino per l'energia atomica, Energoatom, ha denunciato che gli occupanti vogliono isolare l'impianto interrompendo la fornitura elettrica all'Ucraina. Come gesto di provocazione oppure, come denunciato dai giorni scorsi sempre da Kiev, con l'obiettivo di collegare la centrale alla Crimea. Tale operazione potrebbe mettere in pericolo soprattutto l'impianto di raffreddamento dei reattori. Abbastanza da mettere in allarme Antonio Guterres: «L'elettricità di Zaporizhzhia è ucraina, questo principio deve essere pienamente rispettato», ha sottolineato il segretario generale dell'Onu, che all'indomani del trilaterale con Volodymyr Zelensky e Recep Tayyp Erdogan a Leopoli si è spostato a Odessa per visitare il principale porto da cui sono riprese ormai stabilmente le partenze delle navi cariche di grano. L'unica vera buona notizia in quasi sei mesi di conflitto. Intanto il presidente indonesiano Joko Widodo, in un'intervista a Bloomberg, ha annunciato che sia il presidente cinese Xi Jinping che quello russo parteciperanno in presenza al vertice del G20 in programma a novembre a Bali. Nei mesi scorsi Joe Biden aveva chiesto che Mosca fosse cacciata dal G20 in risposta all'invasione dell'Ucraina. E diversi funzionari della sua amministrazione avevano fatto pressioni su Widodo per non invitare Putin al vertice. Evidentemente senza esito. I leader alleati cinese e russo tra l'altro, secondo quanto riferisce il Wall Street Journal, potrebbero incontrarsi anche prima, a margine del vertice regionale dell'Asia Centrale che si terrà a Samarcanda, in Uzbekistan, alla metà di settembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA