Gas, il più grande giacimento d'Europa (che ci renderebbe indipendenti da Mosca) non si può usare. «Provoca terremoti»

L'impianto si trova sotto le paludi dei Paesi Bassi, a Groningen, e ha rappresentato un pilastro delle forniture di gas in Europa dal 1963

Gas, il più grande giacimento d'Europa (che ci renderebbe indipendenti da Mosca) non si può usare: «Provoca terremoti»
5 Minuti di Lettura
Venerdì 7 Ottobre 2022, 10:16 - Ultimo aggiornamento: 9 Ottobre, 10:27

In Europa c'è un giacimento di gas naturale che sarebbe in grado di renderci totalmente indipendenti dalla Russia. Ma non si può usare. Il motivo? Le operazioni di estrazioni provocano terremoti e crolli del terreno. L'impianto si trova sotto le paludi dei Paesi Bassi, a Groningen, e ha rappresentato un pilastro delle forniture di gas in Europa dal 1963. Dopo mezzo secolo, ci sono ancora circa 450 miliardi di metri cubi di gas estraibile in riserva, per un valore di circa 1 trilione di dollari. Secondo Shell Plc, uno dei due principali partner coinvolti nella sua gestione,  ci sarebbe la possibilità di estrarre circa 50 miliardi di metri cubi all'anno in più rispetto a quanto avviene attualmente.

Il giacimento di Gas di Groningen: la storia

Il giacimento di gas è stato scoperto nel 1959 vicino a Slochteren. La successiva estrazione del gas naturale è diventata centrale per l'approvvigionamento energetico nei Paesi Bassi. Negli anni successivi praticamente tutto il Paese è stato collegato al gas di Groningen. I ricavi della produzione divennero importanti nello sviluppo e nella costruzione del welfare state olandese nel dopoguerra. Nel 2013 dal giacimento erano stati estratti 2.057 miliardi di metri cubi di gas naturale. Le perforazioni hanno tuttavia provocato un cedimento sopra il campo e dal 1991 questo fenomeno è stato accompagnato da scosse di terremoto. Ciò ha portato a danni alle case seguite dalle proteste dei residenti. Dal 2014 è stato così deciso di eliminare gradualmente l'estrazione del gas. Il giacimento di gas di Groningen dovrebbe essere chiuso tra il 2025 e il 2028, con la possibilità di anticiparlo. L'operazione di rinforzo e di liquidazione dei danni a seguito dei terremoti procede a rilento. Il National Ombudsman l'ha definita una "crisi nazionale" nel 2021.

 

I danni delle perforazioni

La gente del posto, riporta Bloomberg, sostiene che l'Europa è costretta a guardare altrove per risolvere la crisi energetica. Wilnur Hollaar, 50 anni, che vive a Groningen da quasi due decenni, è ancora furioso per il modo in cui i funzionari hanno ignorato le sue preoccupazioni. «Quando ho comprato questa casa nel 2004, era in perfetto stato», dice Hollaar della sua casa, che è stata costruita nel 1926 e presenta finestre di vetro colorato e pietre dettagliate. Ma come migliaia di case nella zona, è stata danneggiata dai terremoti, è piena di crepe e la facciata sta sprofondando. «La mia casa è diventata una rovina», dice. Groningen ha registrato i suoi primi piccoli terremoti nel 1986. Da allora, ce ne sono stati altri centinaia. Sebbene la maggior parte non sia rilevabile se non con strumenti accurati, un terremoto di magnitudo 3,6 ha colpito la provincia nel 2012 provocando migliaia di richieste di risarcimento per danni alla proprietà. A partire dal 2014, il governo olandese ha posto limiti sempre più severi alla produzione dal campo e la produzione è scesa da 54 miliardi di metri cubi nel 2013 a 4,5 miliardi di metri cubi previsti quest'anno. Secondo il Groningen Mining Damage Institute delle circa 327.000 case nella regione, almeno 127.000 hanno riportato danni. Dal 2012 più di 3.300 edifici sono stati demoliti dal 2012 perché resi pericolanti dagli effetti delle scosse. 

La mappa dei terremoti

Le pressioni dell'Europa

Il ministro delle miniere olandese Hans Vijlbrief afferma che è pericoloso continuare a produrre, ma che il Paese non può ignorare le sofferenze in altre parti d'Europa. La mancanza di gas «potrebbe costringerci a prendere questa decisione», afferma, aggiungendo che potrebbe essere un problema di sicurezza se gli ospedali, le scuole e le case non possano essere riscaldate adeguatamente. La Russia, che rappresentava circa un terzo delle importazioni di gas naturale in Europa prima di invadere l'Ucraina, ha ridotto le forniture in risposta alle sanzioni. E le recenti esplosioni del gasdotto Nord Stream hanno effettivamente cementato il livello ridotto di flussi verso la Germania. Il flusso extra che Shell stima potrebbe essere portato online quasi immediatamente sarebbe più che sufficiente per sostituire i 46 miliardi di metri cubi che la Germania ha importato dalla Russia lo scorso anno. Il commissario per il mercato interno dell'Unione europea Thierry Breton ha affermato in un recente discorso che i Paesi Bassi dovrebbero riconsiderare la decisione di chiudere Groningen e Vijlbrief è stato pressato anche dalle controparti di altre nazioni dell'Ue. Ma al momento il Paese sta tenendo la linea. Il primo ministro Mark Rutte non escluderà del tutto l'utilizzo di Groningen per rafforzare le forniture, ma «solo in casi estremi se tutto va storto», dice, e non è necessario in questo momento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA