Bollette, il trucco per risparmiare durante i pasti: cucinare piatti anti spreco

Dal ritorno in cucina degli avanzi ad una maggiore attenzione alla data di scadenza, ma anche la richiesta della family bag al ristorante

Bollette, i trucchi per risparmiare in cucina: dai piatti anti spreco agli orti di guerra
3 Minuti di Lettura
Sabato 1 Ottobre 2022, 19:28 - Ultimo aggiornamento: 2 Ottobre, 09:03

Contro i rincari delle bollette si torna a metodi antichi. Si scava nelle esperienze del passato per raccontare alle famiglie come risparmiare con trucchi in cucina. Tra questi i piatti antispreco, la preparazione fai da te e gli «orti di guerra».

Bolletta da 3 euro grazie a solare termico e pannelli fotovoltaici, Bruno Simili: «Così si risparmia»

Bollette, come risparmiare in cucina: i piatti antispreco

Dal ritorno in cucina degli avanzi ad una maggiore attenzione alla data di scadenza, ma anche la richiesta della family bag al ristorante e la spesa a chilometri zero dal campo alla tavola con prodotti più freschi che durano di più. Gli italiani riducono gli sprechi a tavola.

La frutta e verdura acquistata direttamente dal produttore in vendita nei mercati degli agricoltori – spiega la Coldiretti – dura anche una settimana in più, non dovendo rimanere per tanto tempo in viaggio. Particolare attenzione – continua la Coldiretti – va riservata anche alla conservazione dei prodotti acquistati ricorrendo a tecniche di economia domestica mantenendo frutta e verdura fresche lontano dai punti di calore per evitarne l’eccessiva maturazione, l’olio extravergine al buio per evitarne l’ossidazione come le patate per evitare il germogliamento.

Gli orti di guerra

Oltre 4 italiani su 10 (44%) coltivano frutta e verdura in giardini, terrazzi e orti urbani spinti dalla crisi economica. Una nuova tendenza da parte dei cittadini ad utilizzare ogni spazio verde a disposizione per garantirsi cibo sano da offrire a se stessi e agli altri. Il ritorno di comportamenti virtuosi, che si esprimono anche nei riti della preparazione delle conserve fai da te, con intere giornate trascorse per recuperare il prodotto, pulirlo, lavorarlo, cucinarlo e metterlo in vaso. 

La preparazione fai da te

In quasi una famiglia italiana su quattro (23%) con l’arrivo dell’autunno ci si mette quest’anno al lavoro tra pentole e vasetti nella preparazione di conserve “sovraniste” fatte in casa per garantirsi un’alimentazione più genuina, naturale, 100% nazionale e ridurre gli sprechi. E’ quanto emerge da una indagine Coldiretti/Ixe’ presentata al Villaggio contadino a Bologna con il primo Cooking Show sovranista con gli agrichef per svelare i trucchi del mestiere nella preparazione, dalla passata di pomodoro alle marmellate di frutta fino ai sottolii e ai sottaceti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA