Turchia, taglia le previsioni di crescita per il 2018

Giovedì 20 Settembre 2018
Quello che si prospetta per la Turchia è un futuro poco luminoso. O quanto meno al ribasso. Il governo di Recep Tayyip Erdogan ha ridotto le previsioni di crescita per il 2018 al 3,8% dal 5,5% iniziale. Ha abbassatto le previsioni anche per il 2019 al 2,3% e al 3,5% per il 2020, sempre rispetto al 5,5%. 

La correzione arriva in seguito alla grave crisi economica che sta attraversando il Paese e all'esplosione dell'inflazione che dovrebbe attestarsi al 20,8% per quest'anno e al 15,9% per il prossimo. 

Nel frattempo la Banca centrale turca continuerà  a usare gli strumenti di politica monetaria per raggiungere la stabilità dei prezzi. Il nuovo piano economico della Turchia giunge una settimana dopo che la Banca centrale ha aumentato il suo tasso di interesse di 625 punti base per supportare la lira turca e frenare l'inflazione. La moneta locale ha infatti perso il 40% rispetto al dollaro durante il 2018. 
  © RIPRODUZIONE RISERVATA