Clax Italia costruisce nel Caucaso un acquario made in Pomezia

Lunedì 26 Marzo 2018
Clax Italia costruisce nel Caucaso un acquario made in Pomezia

Con il supporto assicurativo-finanziario di UniCredit e Sace, Clax Italia potrà esportare a Tbilisi, capitale della Georgia, due cilindri in una plastica molto resistente (metacrilato) per la realizzazione di un grande acquario del valore di 2 milioni, destinati ad uno degli hotel più importanti della capitale georgiana.

Fondata a Pomezia nel 1994, Clax Italia è specializzata nella produzione di blocchi e lastre di dimensioni standard e di blocchi acrilici di grandi dimensioni per acquari. L’azienda ha realizzato opere per importanti strutture nel mondo, come il Museo delle scienze di Miami, l’acquario di Busan in Corea del Sud, l’acquario Poema del Mar a Las Palmas, The Two Ocean Aquarium a Città del Capo, The Tisch Family a Gerusalemme, Nausicaa in Francia e molti altri ancora.

Dimostrando un crescente dinamismo economico e attenzione alla valorizzazione delle risorse paesaggistiche, il Paese caucasico offre infatti interessanti opportunità nel settore del turismo – dall’hȏtellerie alla ristorazione – a cui ha dedicato il piano d’investimenti Check-in Georgia promosso dal Governo. Ha inoltre intensificato i rapporti di collaborazione commerciale con l’Europa, in particolare con l’Italia, oggi suo terzo partner commerciale.

Nell’ambito dell’operazione Sace ha garantito un bond, emesso da UniCredit, a garanzia della corretta esecuzione della commessa da parte di Clax Italia. Una collaborazione, quella tra SAace e la pmi laziale, che va avanti da anni e che ha permesso all’azienda di esportare i suoi prodotti in tutti i continenti. Clax Italia ha usufruito anche del Programma di inserimento sui mercati extra UE di Simest per accedere a finanziamenti agevolati per l’internazionalizzazione. Gli strumenti Sace Simest spesso si dimostrano fondamentali, soprattutto per le piccole e medie realtà, che trovano nel Polo le giuste garanzie per operare nei mercati esteri più complessi.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA