Orsi polari, in 35 anni addio al 30% degli esemplari

Orsi polari, in 35 anni addio al 30% degli esemplari
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 27 Febbraio 2019, 17:49

Il cambiamento climatico aumenta il rischio di estinzione per le specie, e tra le più minacciate c'è l'orso polare. Oggi la popolazione di orsi polari è stimata tra i 22.000 e 31.000 individui, il 60% dei quali si trovano in Canada. Alcuni studi, basandosi sul trend di fusione dei ghiacci polari e sulla drammatica scomparsa dell'habitat idoneo e delle sue risorse, stimano che entro i prossimi 35 anni rischiamo di perdere il 30% della popolazione di orso polare esistente.

Alla specie è dedicato il 27 febbraio, Giornata Mondiale dell'orso polare. Il periodo più importante per l'alimentazione degli orsi polari è la stagione estiva, quando devono mangiare grandi quantità di grasso di foca, accumulando le riserve per i mesi più freddi e difficili. Ma il riscaldamento del pianeta sta portando alla riduzione dei ghiacci marini estivi, riducendo l'habitat di caccia della specie. Se il riscaldamento del pianeta continuerà a questa velocità, già nel 2040 per l'orso polare potrebbe non esserci più ghiaccio marino estivo. Insomma, le banchise polari si stanno assottigliando e gli orsi non riescono più a cacciare foche per nutrirsi.

La scomparsa dell'habitat e la possibilità di trovare cibo, portano questo predatore ad avvicinarsi ai centri abitati dall'uomo, mettendo a rischio la sua vita e la sicurezza delle comunità. In Russia, alcuni giorni fa, circa cinquanta orsi polari hanno invaso la città di Belushya Guba, nell'arcipelago di Novaya Zemlya (regione Artica), costringendo le autorità locali a dichiarare lo stato di emergenza. Il cambiamento climatico, quindi, non aumenta solo il rischio di estinzione per le specie, ma anche i possibili conflitti tra fauna selvatica e uomo. Nel 2007 sono stati registrati nove conflitti fra orso e uomini in Groenlandia, mentre tra agosto e dicembre 2017 ce ne sono stati 21 solo a Ittoqqortoormiit. Questo si ripete anche in Alaska, Canada, Norvegia e Russia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA