Mamma delfino sorregge il cucciolo morto: la storia che commuove il web

Mamma delfino sorregge il suo cucciolo morto. Foto pubblicata da Department of Conservation (New Zealand)
di Remo Sabatini
2 Minuti di Lettura
Martedì 5 Febbraio 2019, 19:44

Ci sono immagini che valgono mille parole. Come quella, struggente, che pubblichiamo. Diramata dal Department of Conservation della Nuova Zelanda, rappresenta il dolore di mamma delfino che non vuole abbandonare il suo cucciolo, ormai senza vita. L'incontro con il pod di delfini, dei quali la femmina ed il cucciolo fanno parte, era avvenuto alla fine di gennaio, quasi per caso. «Inizialmente, ha spiegato un portavoce del dipartimento, non avevamo notato che il cucciolo fosse morto».

Una volta capita la situazione però, personale e volontari hanno iniziato a seguire, il gruppo di delfini, allertando chiunque fosse in navigazione nella Bay of Islands, luogo del primo contatto. In tutti questi giorni, nonostante la fatica di sorreggere il piccolo e la conseguente difficoltà nel nuotare, mamma delfino non si è mai data per vinta.
Ogni volta che il piccolo le scivolava via, lo aveva ripreso e sorretto nuovamente. Quasi che non volesse accettare la sua morte ed impazzita dal dolore, ha continuato ad accompagnarlo nel suo ultimo, struggente viaggio. Da parte loro, gli altri delfini, proseguono ad accompagnare mamma e cucciolo in quello che sembra un vero e proprio corteo funebre, fenomeno, tra l'altro, già osservato anche in mammiferi marini molto più grandi come le orche.

L'amore materno è molto forte in molte specie del regno animale. La difficoltà e l'estrema sofferenza che impedisce alla mamma di lasciar andare il suo piccolo, rappresentano un legame indissolubile. Spesso più forte dello stesso spirito di conservazione che, in questi frangenti, espone pericolosamente la femmina, ai predatori.
Ci vorrà del tempo, confermano gli esperti ma, prima o poi, anche quella mamma sarà costretta ad abbandonarlo. Non dimenticherà, però. I delfini, come le orche e le balene, hanno sentimenti e buona memoria.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA