La scuola finanziata dal Principato di Monaco fa acqua, il sindaco scrive a Charlene

La scuola finanziata dal Principato di Monaco fa acqua, il sindaco scrive a Charlene
di Maurizio Di Biagio
2 Minuti di Lettura
Lunedì 25 Ottobre 2021, 08:13

Andrea Ianni, sindaco di Isola del Gran Sasso, paesino di 5 mila abitanti alle pendici del massiccio appenninico, prenderà carta e penna e scriverà alla principessa di Monaco, Charlene. «Se non faranno quello che devono» spiega il primo cittadino che si rivolge alla Cri, che due anni fa ha realizzato una scuola primaria al cui interno piove.

«Devono ripararla» è il suo monito senz'appello. E fu proprio la consorte di Alberto II, raggiante, con caschetto dorato, che il 9 novembre 2019 presenziò al taglio inaugurale. Quel giorno Ianni per la verità era dall'altro parte della barricata, «all'opposizione tra i banchi del consiglio comunale e pertanto non invitato». Ianni però non ha dubbi: «Le scriverò di sicuro se non mettono riparo all'acqua che cala giù dal tetto nella palestra. Non è più il caso che debba intervenire con delle bacinelle».

La scuola Parrozzani, completamente antisismica e che si estende su oltre mille metri quadri, è stata costruita con il sostanzioso contributo della Croce Rossa monegasca, assieme a quella italiana, che ha raccolto ben 1 milione e mezzo di euro. La presenza della principessa Charlene Grimaldi Wittstock, allora si disse, fu un ulteriore segnale di speranza e di rinascita per un territorio che ha subito gravi danni a causa del terremoto e che sta provando faticosamente a rialzarsi.

La Croce Rossa, con una nota, ha già fatto sapere che ha condotto un primo sopralluogo tecnico: «Da parte nostra c'è la massima volontà e sollecitudine nel voler ripristinare la funzionalità completa della struttura scolastica e intervenire con ogni forma e mezzo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA