Scoperto dai carabinieri del Nas un falso fisioterapista

Scoperto e denunciato dai carabinieri del Nas di Pescara, coordinati dal maggiore Domenico Candelli, un falso fisioterapista. Svolgeva in pratica l'attività senza aver mai conseguito il diploma di laurea in Fisioterapia. Nei guai, è finito un 40enne, il quale deve ora rispondere di esercizio abusivo della professione. Durante una ispezione in un centro medico della città, i militari del Nas lo hanno sorpreso in flagranza mentre effettuava pratiche fisioterapiche su paziente con l'impiego di apparecchi elettrostimolatori. Per l'uomo è scattata la denuncia e contestualmente sono stati sequestrati cinque apparecchi ed elettrodi, per un valore di circa 15 mila euro, presenti all'interno dello studio in cui operava. L’attività rientra nell’ambito di una serie di controlli che i Nas stanno effettuando sul fenomeno dell'abusivismo sanitario. La scorsa settimana erano stati scoperti altri due casi a Teramo. Due infermieri, un 30enne e un 70enne in pensione, che praticavano in modo del tutto abusivo servizi socio-sanitari a domicilio. Si recavano a casa dei pazienti, effettuavano prelievi del sangue e poi li portavano nei laboratori di analisi, in totale assenza dell'autorizzazione sanitaria prevista dalla legge regionale per lo svolgimento di questo tipo di attività. Tutti e due sono stati denunciati all'autorità giudiziaria per esercizio abusivo della professione.
Giovedì 8 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 09:55

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
  • 1
QUICKMAP