CORONAVIRUS

Il corto in videochiamata filma la vita ai tempi del Covid-19

Domenica 12 Aprile 2020 di Luca Maggitti
Il corto in videochiamata filma la vita ai tempi del Covid-19

Ricordate cosa sognavate prima del 9 marzo 2020? Quali erano gli obiettivi, prima che il lockdown dovuto all’emergenza Coronavirus Covid-19 chiudesse l’Italia? E come sarebbe stato questo primo mese di quarantena, senza la rete e la possibilità di continuare a intrattenere relazioni sociali? Questi interrogativi, armonizzati dalla voglia di riabbracciarsi, hanno spinto Ivan D’Antonio, regista e pittore 36enne di Montorio al Vomano, a in provincia di Teramo, a creare “Giga – Traffico Dati”: cortometraggio realizzato in videochiamata unendo 705 chilometri di distanza e tre regioni (Abruzzo, Lazio e Toscana), quattro attori (Danil Aceto, Massimiliano D’Aloiso, Alessandro Mollo e Angelica Orsini), un musicista (Setak, al secolo Nicola Pomponi) e un fonico (Davide Grotta).

Il primo episodio racconta dei quattro amici, ex compagni di università, che progettano di rivedersi dopo lungo tempo a Roma, ancora ignari del lockdown: 19 minuti e 18 secondi in equilibrio tra dramma e commedia, mescolando storie e ricordi, amori e difetti. Riassumendo con le parole del regista: «Il corto è una riflessione su quanto attraverso questi “freddi bit privi di anima” passi invece la nostra vita, oggi più che mai».
Coronavirus, i droni bloccano le passeggiate in spiaggia
Ivan D’Antonio ha iniziato a lavorare all’idea la mattina seguente alla notizia del lockdown, sentendo il bisogno di fare qualcosa per la stragrande maggioranza costretta a rimanere a casa. Il primo pensiero è stato per la pittura (è diplomato all’Accademia delle Belle Arti di Firenze), virando poi sul corto, scrivendo la sceneggiatura di getto e completandola in poche ore. Il contatto con l’attore Danil Aceto, con cui collabora da sempre e ha mosso i primi passi nel settore, gli ha dato fiducia visto l’entusiasmo dell’artista. D’Antonio chiosa: «Una squadra fatta di persone straordinarie, che si sono buttate anima e corpo in questa folle avventura e che non riuscirò mai a ringraziare abbastanza, perché senza la loro bravura i personaggi non avrebbero mai preso vita sullo schermo».
Coronavirus, Costa dei Trabocchi senza turisti: «Noi, lasciati allo sbaraglio»
Per la colonna sonora sono state utilizzate le tracce di “Blusanza”, disco d’esordio di Nicola Pomponi, in arte Setak, cantautore di Penne, in prinvia di Pescara. Molto importante è stato poi il lavoro del fonico Davide Grotta, anche lui di Montorio al Vomano, che si è occupato del mix audio facendo davvero miracoli con le tracce audio provenienti dai telefoni cellulari. Il cortometraggio ha pure aiutato il suo ideatore a tornare sui social media: «Fino a tre mesi fa mi ero staccato dai social, dalle chat, volevo tornare a vivere come negli Anni ’90. Adesso che invece la tecnologia mi sta aiutando a sentirmi vicino alle persone a cui voglio bene, ho voluto dedicarle un piccolo tributo». Il lavoro è piaciuto e Ivan e i suoi compagni di viaggio hanno deciso di andare avanti. In questi giorni uscirà la seconda puntata. L’episodio pilota di “Giga – Traffico Dati”, prodotto da StratoStudios è visibile su YouTube al link https://www.youtube.com/watch?v=A4l1VxaGrbI
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani