Albergatrice bruciata, è stata trasferita al reparto Grandi ustionati di Napoli

Albergatrice ustionata, è stata trasferita al reparto Grandi ustionati di Napoli
di Tito Di Persio
2 Minuti di Lettura
Lunedì 21 Giugno 2021, 08:01 - Ultimo aggiornamento: 09:21

Restano gravissime le condizioni di salute della titolare dell’Hotel Ristorante Concorde, che nel pomeriggio dell’altro ieri, verso le 16, 30, a Sant’Egidio alla Vibrata, è rimasta coinvolta in un incendio di sterpaglie. Nella stessa serata la donna con l’elisoccorso dell’Aquila è stata trasferita dall’ospedale di Sant’Omero, dove era stata sedata e intubata, all’ U.O.C. centro di terapia intensiva grandi ustionati del Cardarelli di Napoli. Nella stessa sera sono partite dalla Val Vibrata anche le due figlie.

L'imprenditrice, C.A.M, di 70 anni, per bruciare delle sterpaglie dove aver fatto pulizia in un fazzoletto di terreno tra Viale Kennedy e via M. Buonarroti a Sant’Egidio alla Vibrata, proprio dietro la sua struttura recettiva, avrebbe usato del liquido infiammabile, molto probabilmente benzina, e un ritorno di fiamma l’avrebbe completamente investita, facendo rimanere intrappolata in un rogo che in pochi minuti ha incenerito oltre mille metri quadri di coltivazione di grano.

Ad estrarre dalle fiamme la 70nne un passante attratto dalle strazianti urla della donna, che comunque ha riportato ustioni di primo e secondo grado sul 90% della superficie corporea. Nel contempo sul posto arrivarono i vigili del fuoco di Nereto con un'autopompa, un fuoristrada con modulo antincendio e un'autobotte inviata da comando provinciale di Teramo, che in poco tempo riuscirono ad estinguere il fuoco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA