Agenti di Polizia feriti, fermato e arrestato uno dei due malviventi

L'auto sequestrata
2 Minuti di Lettura
Sabato 22 Gennaio 2022, 16:03

L'AQUILA - Individuato e fermato dalla Polizia uno dei due malviventi che l'altra sera avevano investito due agenti, rimasti feriti. La notizia è stata anticipata dal Messaggero e confermata oggi dalla Questura. 

La Squadra Mobile e l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di L’Aquila, coordinate dalla Procura della Repubblica dell'Aquila, dopo rapidissime indagini, sono riusciti a individuare e a bloccare un trentasettenne, originario dell’est europeo, che il 19 gennaio scorso a Casale Signorini aveva investito un poliziotto delle Volanti con un auto rubata, per poi far perdere le sue tracce dandosi alla fuga con un suo complice.

Ieri sera il ricercato stava tornando all’Aquila con un’altra vettura rubata ma, grazie alle immediate indagini della Squadra Mobile, veniva bloccato all’uscita del casello autostradale di “L’Aquila Est”, dove si concludeva definitivamente la sua fuga.

Durante la sua identificazione, avvenuta in Questura, emergeva un quadro ancora più complesso: a carico dell’indagato pendevano quattro provvedimenti di cattura, provenienti dalle Autorità Giudiziarie di Roma, Perugia, Siena, Terni e L’Aquila.

Le indagini espletate dalle diverse forze di polizia del centro Italia, hanno condotto gli inquirenti alle stesse conclusioni: il soggetto è stato riconosciuto come il presunto responsabile di innumerevoli furti di rame, materiali edili, mezzi d’opera, vestiari e quanto altro riuscisse a depredare nelle sue incursioni, avvenute anche nel capoluogo abruzzese, con la complicità di altri autori ancora oggetto di indagini.

"Il soggetto - dice la Polizia - interrompe così all’Aquila, la sua corposa carriera criminale e viene messo a diposizione della locale Autorità Giudiziaria, che valuterà le azioni da intraprendere sulla base dei provvedimenti cautelari adottati. Il personale della Polizia di Stato prosegue l’incessante attività di indagine per assicurare anche il suo complice alla giustizia".

© RIPRODUZIONE RISERVATA