Berlusconi scatenato: il Papa mi somiglia
Poi il Cav rassicura Renzi: riforme ok

Venerdì 16 Maggio 2014

Silvio Berlusconi anche se si paragona al Papa non porge cristianamente l'altra guancia. Nel secondo appuntamento con i servizi sociali, l'ex premier torna a parlare: attacca il Colle sul caso delle sue dimissioni, annuncia che non lascerà Forza Italia al di là del risultato alle Europee e scherza su Papa Francesco. Se mai alle Europee Forza Italia dovesse scendere sotto il 20%, lui non lascerà e resterà comunque in campo.

Silvio Berlusconi spiega di avere davanti a sé «un'operazione titanica», trasformare la maggioranza moderata in maggioranza politica organizzata. Allo stesso tempi il leader azzurro manda a dire a Renzi: «Con Renzi nessuno 'stop and go', ma

le cose devono essere chiare.Noi abbiamo già fatto le riforme istituizionali imprescindibili per il Paese, se Renzi guardando a quello che avevo fatto sente anche lui di dare all'Italia un assetto istituzionale che

la rende governabile, lo faremo»

Torna sulle rivelazioni Geithner e insiste nella

richiesta di una commissione di inchiesta, in disaccordo con il Quirinale a proposito di un presunto golpe ai suoi danni. Sul caso, il governo fa sapere che non saranno prese iniziative.

IL PARAGONE

«Sì, papa Bergoglio mi piace, fa il papa esattamente come l'avrei fatto io». Così Berlusconi ha risposto a Giovanni Minoli a Mix 24 su Radio 24. «Sono io che

sono bravo perchè assomiglio al papa», ha quindi ribattuto il Cavaliere al giornalista che ha poi aggiunto avete la stessa eta. «La stessa età ma io gli anni li porto meglio».

Oggi il Cav alla Sacra Famiglia di Cesano Boscone, come prevede l'affidamento ai servizi sociali.

Ultimo aggiornamento: 17 Maggio, 15:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA