Cagliari, abusi sessuali su quattro adolescenti: l'ex parroco finisce in carcere

Mercoledì 6 Maggio 2015 di Stefania Piras
4
Era stato già sospeso dalla Curia quando la notizia dell'indagine era circolata giorni fa. Ora don Manca è finito in carcere con l’accusa gravissima di pedofilia.

I primi abusi, secondo i carabinieri, risalirebbero a tre anni fa quando don Pascal Manca, ex parroco di Villamar prestava servizio a Mandas, due piccoli centri del Cagliaritano.



Nell’inchiesta coordinata dal pm Liliana Ledda emergono abusi su quattro ragazzini nel 2012 e nel 2014: due dodicenni nel primo caso, quando era ancora a Mandas, e due sedicenni a Villamar. Si parla di atti sessuali non completi. In tutte e due le comunità il parroco aveva a disposizione delle canoniche ed è proprio lì che si sarebbero consumati gli abusi. In alcune circostanze pare che abbia usato anche dei sonniferi per agire indisturbato.



Tutto partì da una denuncia del 2012 : i carabinieri hanno cercato di riscostruire pazientemente gli episodi di pedofilia e il giudice ha optato per il carcere. Il sacerdote è stato portato nel penitenziario di Uta e al momento dell’arresto si trovava a Nuraminis, a casa dei genitori. C’erano già sospetti su di lui. Per questo era stato allontanato da Mandas e poi anche da Monserrato, dove era ospite di un altro parroco. Ma le perquisizioni personali, da cui spunta anche materiale pedopornografico, avevano destato una sollevazione tra i residenti che si sono ribellati alla presenza del sacerdote, così, alla fine, aveva trovato rifugio solo a casa dei parenti.



L’esigenza di custodia cautelare, motivata dal gip di Cagliari, consiste nel timore che don Manca potesse fuggire o, peggio, reiterare il reato. Ultimo aggiornamento: 9 Maggio, 18:41

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il basket in carrozzina rende giovani e tenaci

di Mimmo Ferretti