Paura del Covid, è corsa al richiamo nella Tuscia: all'open day superate le 600 dosi

Vaccini alla Grotticella a Viterbo
di Renato Vigna
3 Minuti di Lettura
Lunedì 29 Novembre 2021, 06:35 - Ultimo aggiornamento: 21:25

Il Covid fa paura e gli over40 si tuffano sulla terza dose. Ieri, in occasione dell’open day organizzato dalla Asl di Viterbo nel punto vaccinale di Santa Maria della Grotticella - rivolto a tutti gli over 40, per i quali sono trascorsi 150 giorni dalla somministrazione della seconda dose – regolare ma continuo l’afflusso di cittadini. Tanto che l’azienda sanitaria ha deciso di andare avanti fino alle 20 con le somministrazioni, pur avendo superato prima le 600 di Moderna che erano state preventivate per l’intera giornata.

Da oggi, riprendono le normali modalità di accesso: mentre ieri all’hub di Viterbo non era necessaria la prenotazione, ovunque da questa mattina, a seguito dell’incremento dell’accesso registrato in tutti i centri vaccinali della provincia, la normale somministrazione verrà erogata esclusivamente ai cittadini in possesso di un appuntamento che può essere preso sul portale della Regione.

L’ansia da vaccino è figlia dei numeri che anche nel Viterbese continuano a salite. Ieri la Asl ha comunicato 76 nuovi casi: 16 a Viterbo, 7 a Vetralla, 5 a Tuscania, 4 a Fabrica di Roma, Nepi e Orte, 3 ad Acquapendente, Civita Castellana, Ischia di Castro e Marta, 2 a Bagnoregio, Canino, Lubriano, Montefiascone, San Lorenzo Nuovo, Soriano nel Cimino e Vitorchiano, uno a Calcata, Capranica, Caprarola, Carbognano, Gallese, Gradoli, Montalto di Castro, Monte Romano, Piansano e Ronciglione.

Rispetto ai minori, la fascia d’età che si è dimostrata particolarmente sensibile al Covid-19 in queste settimane di recrudescenza, ieri si è registrato un calo rispetto al trend degli ultimi tempi: 7 under18 dei quali 6 con meno di 12 anni (nati tra il 2019 e il 2008). La persona più anziana tra gli ultimi contagiati ha invece 92 anni.

Continuano gli appelli dei sindaci ai cittadini. Ieri Alessandra Terrosi (Acquapendente) ha ribadito sui social: “A seguito della crescita del numero dei contagi avvenuta negli ultimi giorni, sollecitiamo nuovamente la cittadinanza ad assumere un atteggiamento rispettoso delle regole emanate per fermare il contagio da Covid-19. Occorre pazienza, senso civico e di responsabilità in ognuno di noi. Oggi l’unico strumento per fermare il virus è la vaccinazione. Vaccinarsi contro il Covid è una scelta di responsabilità per contrastare il virus e tutelare la propria salute e quella degli altri”

. A San Lorenzo Nuovo, il sindaco Massimo Bambini sottolinea: “La situazione sta rapidamente peggiorando. Vi chiedo quindi di vivere normalmente ma di rispettare le regole di convivenza che questa pandemia, purtroppo, ci ha imposto: mascherine al chiuso, distanziamento sempre, no baci, abbracci e strette di mano; buone regole, recentemente un po' dimenticate”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA