«Non voglio soldi, solo spargere un po' di felicità». E in metro si scatena la festa

EMBED
​Basta sguardi bassi in metropolitana e musi lunghi sull'autobus da casa al lavoro. Grazie a Peter Sharp, giovane «social artist» australiano, sui mezzi pubblici si canta, si balla e si fa amicizia proprio come ad una festa in pieno week end. L'obiettivo? Spargere il buonumore per migliorare il mondo. Per questo Peter, con il suo smoking d'ordinanza, improvvisa feste danzanti sui treni, dispensa abbracci gratuiti e convince tutti a lasciarsi andare. L'ultima volta lo hanno avvistato lo scorso agosto a Fremantle, in Australia orientale, mentre ballava scatenato su un treno in una normale mattinata feriale. Musica, qualche passo di danza e il gioco era fatto: dopo qualche scetticismo iniziale i passeggeri festeggiavano con lui, sotto gli sguardi attoniti delle persone sulla banchina. «Non voglio soldi, ma solo spargere un po' di felicità», dice Peter. E chiunque lo ha incontrato giura che la cosa gli riesce piuttosto bene (di Costanza Ignazzi)


LE VOCI DEL MESSAGGERO

Tutti in campo per Sara tre anni dopo la tragedia

di Mimmo Ferretti