Roma, inchiesta su insulti e minacce web a Mattarella: perquisizioni

Video
EMBED

Perquisizioni nell'ambito dell'inchiesta della procura di Roma sugli insulti e le minacce via social contro il presidente della Repubblica. Gli agenti della Digos avrebbero sequestrato cellulari e pc di 10 persone, I fatti risalgono alla prima ondata della pandemia, quando contro Sergio Mattarella vennero scagliati insulti e auguri di morte sui quali la magistratura ha aperto un fascicolo. Si ipotizza il reato di offesa all’onore e al prestigio del Capo dello Stato.