Roma, lo scandalo di Buca Capitale: fondi dirottati su altre spese

EMBED
I soldi delle multe ai romani, che in teoria dovrebbero essere sfruttati, almeno in larga parte, per mettere in sicurezza le strade slabbrate e divorate dai crateri, finiscono invece per finanziare tutt’altro: «arredi», «accessori per uffici», «cancelleria per la polizia locale», «musei, mostre e pinacoteche», addirittura «generi alimentari». Una carrellata di anomalie finite ora al vaglio della Procura di Roma, che ha deciso di aprire un’inchiesta dopo un esposto presentato dal Codacons. Il dossier è sulla scrivania del pm Antonia Giammaria. Si indaga per falso, ma il quadro accusatorio potrebbe cambiare e arricchirsi di nuove ipotesi di reato se le indagini, affidate alla Guardia di Finanza, dovessero portare ad altri, inquietanti riscontri. Il sospetto, in ogni caso, è che negli atti del Campidoglio qualcosa non torni; che insomma i fondi per la lotta alle buche - eterna, dilagante piaga Capitale - vengano stornati altrove e investiti in voci di spesa che con l’asfalto e i sampietrini malmessi hanno poco o nulla a che vedere. Nelle carte consegnate agli inquirenti si parla anche di lavori fantasma, annotati nei documenti dei Municipi ma mai realizzati. O di rattoppi marchiani, spruzzate di bitume eseguite tutto fuorché «a regola d’arte» come invece dovrebbe essere. Il sentore è che chi avrebbe dovuto vigilare sugli interventi di manutenzione non lo abbia fatto o abbia controllato in modo lasco.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani