Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Carceri, Draghi: «Non siamo qui a celebrare trionfi, ma conseguenze nostre sconfitte»

EMBED

«Non siamo qui a celebrare trionfi, ma conseguenze nostre sconfitte». Lo dice il premier Mario Draghi in visita al carcere di Santa Maria Capua Vetere a Caserta: «La detenzione deve essere recupero, riabilitazione. Gli istituti penitenziari devono essere comunità. E dobbiamo tutelare, in particolare, i diritti dei più giovani e delle detenute madri. Le carceri devono essere l'inizio di un nuovo percorso di vita. L'Italia, questo Governo, comunità di Santa Maria di Capua Vetere, vogliono accompagnarvi». È intervenuta poi anche la ministra della Giustizia Marta Cartabia: «Quegli atti sfregiano la dignità della persona umana che la Costituzione pone come vera pietra angolare della convivenza civile. Il carcere è luogo di pena, ma non sia mai luogo di violenza e umiliazione. Oggi scopriamo che quelle parole della costituzione debbono essere riconquistate».  Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev