Judith Romanello: «Io, rifiutata come cameriera in un ristorante a Venezia perché nera»