Roma, vaccinazioni regolari a Termini dopo lo stop di un lotto sospetto

EMBED

Non c'è paura né timore. E' invece il sollievo a primeggiare di fronte all'ingresso dell'hub di Termini dove in fila - e a distanza di sicurezza - le persone attendono il proprio turno per essere vaccinate. Quanto accaduto giovedì con la sospensione da parte dell'Aifa di un lotto "sospetto" del vaccino AstraZeneca, non ha incrinato le prenotazioni e le affluenze nel presidio vaccinale a pochi passi dalla principale stazione ferroviaria della Capitale si sono svolte regolarmente. Dalla Croce Rossa Italiana che si occupa dell'hub fanno sapere che le "cancellazioni sono in linea con quelle dei giorni scorsi". Fino alle 14 per quasi 400 vaccinazioni appena una quindicina i cittadini che non si sono presentati. "Un dato che rispecchia l'andamento dei giorni precedenti", conclude la CRI. Tra chi parla di "dovere" a chi considera il vaccino "l'unica arma possibile per sconfiggere la pandemia" in fila nell'hub di Termini, insegnati, operatori sanitari, ma anche 79 e 78enni. Del lotto sospetto e ritirato il Lazio ne aveva ricevute settimane fa circa 20mila dosi la maggior parte delle quali sono state inoculate senza problemi o reazioni avverse se non i lievi malesseri indotti dal vaccino dell'AstraZeneca a 24 ore dalla somministrazione.

Servizio di Camilla Mozzetti - video di Paolo Pirrocco/Ag.Toiati

Movida, Gianluca Vacchi in consolle a Roma e il pubblico balla (senza mascherine)