La natura delle Alpi Giulie e del Carso

La natura delle Alpi Giulie e del Carso
di Cristina Montagnaro
3 Minuti di Lettura
Sabato 15 Agosto 2015, 17:48 - Ultimo aggiornamento: 19 Agosto, 17:51

Non solo natura incontaminata, ma anche borghi da scoprire e grotte giganti da visitare, dove si può camminare nel silenzio assoluto. Siamo nel territorio del Carso, vicino Trieste, che offre tante opportunità per gli amanti della natura. Ad esempio la Grotta Gigante, in località Borgo Grotta. Si tratta di una grande caverna di 98 metri di altezza, tra stalattiti, dove si può scendere fino a 100 metri sotto il livello del suolo, nelle viscere della montagna.

Per chi ama invece gli spazi aperti c’è il sentiero Rilke, dal nome del poeta austriaco Rainer Maria Rilke. Si tratta di una suggestiva passeggiata panoramica che collega Sistiana a Duino, dove soggiornò lo scrittore. Si passa anche attraverso i bunker e gli appostamenti militari della Prima e della Seconda Guerra Mondiale. Per scoprire ancora di più le bellezze di Trieste e del Carso e delle Alpi Giulie, a disposizione degli internauti c’è il nuovo portale turistico Discover Trieste, che permette di far conoscere i tesori nascosti del Friuli Venezia Giulia.

“E’ un catalizzatore dell'offerta di Trieste cioè un modo per mettere in relazione le varie realtà della città che solo ultimamente si è strutturata per essere meta turistica. Abbiamo registrato una domanda turistica sempre più crescente, sia in Italia sia all'estero, soprattutto nei paesi a lingua tedesca”afferma Enrico Marchetto, responsabile di Discover Trieste.

Spostandoci un po’ più in la sulle Alpi Giulie, a Tarvisio, località montana del Friuli Venezia Giulia, crocevia di lingue culture tra Italia Slovenia e Austria si incontrano verde incontaminato come la località del Monte Lussari. Si potranno scegliere diversi itinerari ed escursioni per tutti i livelli.

Da quelle per escursionisti esperti cioè le ferrate che ricordano gli itinerari della prima guerra mondiale, in occasione del centenario, sulle orme di Julius Kugy, l’alpinista che le affrontò per primo. Punti di osservazione e zone strategiche che hanno riguardato l’esercito Italo austriaco. Come ad esempio il Monte Canin con la via Julia, il sentiero attrezzato Ceria Merlone. (info.tarvisio@turismo.fvg.it tel 04282135)

Per chi invece preferisce semplici escursioni nel verde può decidere per le gite in carrozza trainata dai cavalli, tra i boschi della Val Saisera. Oppure sempre durante l’estate si può decidere di praticare il nordic walking, l’attività sportiva con l’ausilio di bastoncini, che rendono più facile la passeggiata. Accompagnati da un istruttore specializzato.

Nel Parco Naturale delle Prealpi Giulie c’è poi una grande quantità di flora e fauna da scoprire con escursioni originali. E laghi d’acqua blu come il Lago di Fusine.

Altrettanto emozionante è la Carnia, Parco delle Colline Carniche, che si può percorrere a piedi, a cavallo e in mountain bike. Da scoprire Pesariis, in località di Prato Carnico, che è il paese degli orologi, di tradizione settecentesca, dove c’è il Museo dell'Orologeria, dove si può ammirare una collezione di dalla fine del '600 ai giorni nostri. Per maggiori informazioni e prenotazioni http://www.turismofvg.it/.