PAPA FRANCESCO

Papa Francesco ha un nuovo segretario, è un prete uruguayano che toglie i ragazzi dalla strada

Domenica 26 Gennaio 2020 di Franca Giansoldati
foto Vatican News

Città del Vaticano – L'annuncio è stato fatto nel modo più ufficiale: attraverso un comunicato diffuso dalla sala stampa vaticana poco prima del testo dell'Angelus. Papa Francesco ha annunciato così il nome del suo nuovo segretario personale che dovrà curare la sua corrispondenza, l'agenda e seguire le principali questioni legate all'attività del pontificato. Un ruolo delicato da svolgere in modo riservato e competente. Mai prima d'ora un pontefice aveva reso noto in questo modo le generalità del suo più stretto collaboratore. Chi arriverà a breve a Santa Marta - e lavorerà con l'altro segretario,  monsignor Lazhi Gaid, egiziano e proveniente dalla carriera diplomatica - si chiama don Gonzalo Aemilius.

Padre Gonzalo proviene da Montevideo, in Uruguay e per anni ha diretto un liceo con il quale Bergoglio, quando era cardinale, è stato in stretto contatto. «Papa Francesco ha chiamato come suo segretario personale padre Gonzalo Aemilius, del clero di Montevideo, in Uruguay» recitava il comunciato.

 Padre Gonzalo è nato il 18 settembre 1979, è stato ordinato sacerdote il 6 maggio del 2006 ed è dottore in teologia. Proviene da una famiglia benestante e la sua è stata una vocazione adulta. Bergoglio e questo giovane sacerdote non hanno mai smesso di avere contatti e di sentirsi anche dopo l'elezione. Sui giornali uruguayani, nel 2015, ha fatto notizia il dono che Papa Francesco ha voluto fare a padre Gonzalo per sostenere il suo liceo: gli ha regalato il suo Ipad personale che poi è stato battuto all'asta per 30 mila dollari. 

Padre Gonzalo sostituisce l'argentino Pedacchio, trasferito nel frattempo alla congregazione dei Vescovi (da dove proveniva) e 'sfrattato' anche da Santa Marta. Un cambio sul quale si è speculato parecchio per la velocità e l'immediatezza della sostituzione anche se dal Vaticano è filtrato ben poco, solo che si è trattato di un cambiamento fisiologico. Cosa piuttosto inusuale poiché per tutti i pontificati precedenti il segretario particolare era rimasto a fianco del Papa fino alla sua morte, oppure alle dimissioni (nel caso di Benedetto XVI). Papa Wojtyla nel corso del suo lunghissimo governo ha cambiato solo il secondo segretario, mantenendo però sempre don Stanislao, successivamente fatto poi cardinale. 

La chiamata a Roma di padre Gonzalo fa pensare ad una scelta parecchio meditata e probabilmente dettata dal bisogno di individuare una figura conosciuta da molto prima di diventare pontefice. Come se Francesco, in questa fase,  cominciasse a fidarsi sempre meno di chi lo circonda in Vaticano.

In una intervista all'Osservatore Romano, all'indomani dell'elezione di Bergoglio, padre Gonzalo raccontava della sua battaglia quotidiana per strappare i giovani dal flagello della droga, per dare loro un futuro che non sia quello della strada, attraverso la scuola, il Liceo Jubilar Juan Pablo II, istituto nel quale oggi sono ospitati 220 giovani tra i 12 e i 15 anni, la cui unica alternativa sarebbe la strada. «Abbiamo fatto della nostra scuola una famiglia di famiglie, nel senso che lavoriamo, oltre che per i nostri ragazzi, anche per le loro famiglie, coinvolgendole direttamente. Per esempio i genitori che non hanno compiuto gli studi possono farlo nella nostra scuola dalle 18 tutte le sere. E' confortante vedere padri, madri e figli che, dalle 21 in poi, fanno i compiti insieme».

 

Ultimo aggiornamento: 27 Gennaio, 12:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma