Perugia, un tavolo sulla mobilità pedonale: l’idea di Lacugnano per il rilancio

Domenica 2 Agosto 2020 di Riccardo Gasperini
L'incontro a Lacugnano
PERUGIA - La mobilitazione, con 907 firme raccolte, per chiedere la messa in sicurezza della strada che collega il quartiere di Lacugnano con Olmo e San Sisto, potrebbe diventare in futuro un percorso da seguire «per portare avanti un ragionamento anche su altre problematiche». Cioè nodi che vanno oltre la sicurezza stradale in quella fetta di territorio dove c’è voglia di cambiamento. Chiave di volta, come sottolineato venerdì sera nel corso di una assemblea pubblica nell’area verde del quartiere, la modalità con cui è stata portata avanti l’iniziativa. Una protesta, perché serviva dire con forza che lì c’è qualcosa che non va in fatto di strade e sicurezza, che però ha subito portato a stabilire un «rapporto improntato su dialogo, confronto e proposte» fra cittadini e amministrazione comunale. Così alcune delle prime richieste del comitato che rappresenta i cittadini, come già riportato su queste colonne nei giorni scorse, sono state accolte dal Comune, mentre altre saranno oggetto di un confronto. Durante l’assemblea, promossa per aggiornare i residenti sull’esito del vertice in Comune dei giorni scorsi, i rappresentanti del comitato hanno annunciato che «a metà ottobre ci si rivedrà con il Comune per monitoraggio congiunto». Cioè capire quanti e quali interventi saranno stati effettuati e se avrà preso forma un calendario più definito per i lavori di maggiore entità economica. Prossimamente dovrebbe esserci anche «un sopralluogo tecnico» con il Comune sul posto.
A fare il punto della situazione sono stati Catia Fanali per il circolo Arci Toriscal, Antonio Bonaca per l’associazione La Chiocciola, Alberto Antognelli e Ambra Ciarapica, che riveste il ruolo di delegato civico. Proprio da lei alcuni spunti di riflessione su una delle richieste inserite nella petizione. Il comitato ha chiesto al Comune di attivare un tavolo di progettazione partecipata sulla mobilità pedonale della zona sud ovest della città attraverso un protocollo di intesa da estendere anche ad altre associazioni. «Pensiamo che sia una opportunità per alzare l’asticella del confronto e che potrebbe portare a benefici per la zona, perché avere una rete di percorsi pedonali connessi è un elemento di riqualificazione per l’intera area». Ecco uno degli sviluppi cui potrebbe portare la grande mobilitazione che si è creata a Lacugnano. C’è fiducia da parte dei residenti che chiedono di seguire il percorso per affrontare anche il tema del decoro nel quartiere, definito da alcuni «dimenticato».
Un passo alla volta però, perché il comitato ora è concentrato sulla sicurezza della strada Olmo-Lacugnano-San Sisto. Prime promesse del Comune sono arrivate, in particolare per due fra gli interventi più corposi, la realizzazione di una rotonda all’intersezione con via Canova e la realizzazione di tratti di marciapiede. Lavori che però non arriveranno subito, ma passeranno per l’iter che richiedono i lavori inseriti nel piano triennale delle opere pubbliche. © RIPRODUZIONE RISERVATA