Parte un colpo dal fucile da caccia, uccide lo zio per errore

Parte un colpo dal fucile da caccia, uccide lo zio per errore
di Francesca Tomassini
3 Minuti di Lettura
Giovedì 1 Dicembre 2022, 09:05

NARNI Uccide per errore lo zio, sparandogli un colpo di fucile che credeva fosse scarico Tragedia a Narni Scalo, un dramma dal sapore ancora più amaro e doloroso perchè si è consumato all'interno delle mura domestiche, in un momento in cui nessuno avrebbe previsto una tragedia del genere.
L'uomo, di 79 anni, di cui i carabinieri hanno fornito solo le iniziali, B.Z. era in casa con la nipote di 55 anni e un armaiolo di Roma nel salotto di casa. L'uomo voleva vendere l'arma e l'armaiolo era andato a casa sua per verificarne il valore e procedere eventualmente all'acquisto.
LA DINAMICA
Nessuno si era resa conto che il fucile era carico. Nel momento in cui la nipote l'ha preso in mano, probabilmente per vedere il numero di matricola dell'arma, ha sfiorato il grilletto e dal fucile è partito un colpo che ha compito lo zio all'addome provocandogli un profonda ferita.
Subito sono stati chiamati i soccorsi che sono arrivati in pochi minuti, tanto che l'uomo è arrivato al Santa Maria di Terniancora vivo. Preso in carico dal Pronto Soccorso, però, è morto poco dopo per la gravità delle ferite riportate.

Questa la prima ricostruzione ancora non ufficiale, fornite da fonti vicine alle forze dell'ordine.
LE INDAGINI
Secondo gli investigatori non ci sono dubbi sulla dinamica dei fatti e l'accidentalità dell'accaduto tanto che non è stata disposta l'autopsia: siamo di fronte a un tragico gioco del destino che ha tolto la vita a un uomo con il totale involontario coinvolgimento di una persona che gli voleva bene. A coordinare le indagini il sostituto procuratore Giorgio Panucci.
Una notizia che ha stravolto la comunità dello Scalo. A memoria, non si ricordano precedenti simili. Gli unici casi sono riferiti a incidenti di caccia. Uno qualche anno fa a Vigne di Narni in cui aveva perso la vita un ragazzo a causa di un colpo inavvertitamente partito dall'arma di un compagno di battuta, un'altra situazione di rischio per la quale si verificano incidenti mortali di caccia.
IL CONSIGLIO
Le forze dell'ordine ricordano di usare sempre prudenza quando si maneggiano armi, anche quelle con cui ha più confidenza perchè il rischio di incidenti di questo genere è sempre in agguato.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA