Operazione antidroga "Toner"
Domiciliari e braccialetto elettronico
per sei degli arrestati
Si avvicina il processo

Venerdì 22 Novembre 2019
TERNI - Domiciliari e braccialetto elettronico per sei degli arrestati nell’operazione contro lo spaccio di stupefacenti “Toner”, portata a termine dai carabinieri del nucleo investigativo di Terni e dalla direzione distrettuale antimafia di Perugia.

Dopo oltre quattro mesi di carcere lasciano le celle i ternani Sandro Broccucci, Marco Pellerucci, Mirko Fiorini e Manuel Fiori e i marocchini Ismail Jamghili e Abdelkrim Kabbouri. A disporre i domiciliari per i sei il gip di Perugia, che ha accolto le istanze presentate dai loro legali, Massimo Proietti, Francesco Mattiangeli e Francesca Abbati.
Dodici dei diciannove arrestati, che hanno scelto l’abbreviato, compariranno di fronte al tribunale di Perugia il 16 dicembre.
Nel corso dell’indagine “Toner” gli investigatori hanno recuperato quasi 35 chili di hascisc, mezzo chilo di cocaina e marijuana che avrebbe dovuto soddisfare i tantissimi clienti, tra i quali figuravano facoltosi professionisti. Droga che proveniva dal Marocco, passava per la Spagna e arrivava a Roma, dove veniva prelevata e portata in città.
Quel gruppo di 25 spacciatori composto da ternani e marocchini, nella ricostruzione fatta dalla direzione distrettuale antimafia e dai militari ternani, era organizzato in modo così impeccabile  da essere in grado gestire l’intera filiera: dal rifornimento delle sostanze stupefacenti alla distribuzione capillare della droga nella conca grazie ad una minuziosa rete di piccoli pusher. Ognuno dei quali avrebbe avuto un ruolo ben definito. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma