Giove, divieto di ritorno per 200
partecipanti a rave party

Giovedì 14 Maggio 2020
GIOVE Divieto di ritorno nel  comune di Giove per oltre 200 persone, per lo più giovani in  gran parte residenti in Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia  Romagna, che avevano partecipato a un rave party abusivo il 22 e
23 febbraio nell'area di un capannone in disuso, in località Iana alle porte di Giove. Lo ha disposto la Divisione anticrimine della questura di Terni.  Il rave era stato interrotto dall'intervento delle forze di
polizia, con l'identificazione e la denuncia di tutti i  partecipanti ancora presenti, circa 400 persone, e con
l'individuazione dei 15 organizzatori, nei confronti dei quali  era stato disposto l'allontanamento con foglio di via obbligatorio ed il sequestro dei materiali utilizzati. Nel corso  dei successivi accertamenti è stato disposto il divieto di  ritorno per gli altri 200, tutte risultate con precedenti penali ed abituali frequentatori di rave party. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani