Indagine Workday, le aziende dell’area Emea più propense ad accogliere le nuove tecnologie

Lo studio “Preparing to Power Up: Emea Leads the Way to an Ai-Driven Future”

Indagine Workday, le aziende dell area Emea più propense ad accogliere le nuove tecnologie
di Guglielmo Sbano
4 Minuti di Lettura
Sabato 11 Novembre 2023, 18:47

Lo studio “Preparing to Power Up: Emea Leads the Way to an Ai-Driven Future” rivela che gli imprenditori, nonostante alcune divergenze, hanno chiara consapevolezza dei vantaggi che Intelligenza Artificiale (Ia) e Machine Learning (Ml) porterebbero alle proprie aziende. Tale risultato, rientra in un’indagine pubblicata da Workday in cui si esamina come le nuove tecnologie influenzeranno il futuro mondo del lavoro. Lo studio evidenzia, inoltre, come gli archivi di dati e la burocrazia rappresentino i maggiori ostacoli all’adozione. 

Più in particolare, il 48% dei dirigenti d’azienda in Italia accoglie con favore le opportunità offerte dall’Intelligenza Artificiale e il Machine Learning, rispetto al 50% nelle Americhe e al 46% nell’area Apac. L’Austria (62%) e il Regno Unito (60%) sono i paesi in cui si fa uso con maggiore entusiasmo, mentre Norvegia (40%), Danimarca (44%) e Germania (45%) sono i meno entusiasti. 

L’indagine suggerisce anche che i dirigenti d’azienda dell’area Emea sono generalmente più fiduciosi nei confronti di Ia e Ml.

Dopo l’introduzione del Regolamento generale sulla protezione dei dati, l’Unione Europea sta proponendo un nuovo quadro giuridico per l’Intelligenza Artificiale: l’Eu Ai Act, che ha l’obiettivo di rafforzare la governance sulla qualità dei dati, la trasparenza e l’attività di supervisione svolta dall’uomo, incoraggiando una maggiore fiducia nella tecnologia.  

L’entusiasmo tra i dirigenti, sostenuto dai progressi normativi, sta contribuendo ad aumentare la propensione agli investimenti, che vedono le aziende del Nord Europa sono in testa rispetto a quelle dell’Europa meridionale che adottano un approccio più conservativo. Malgrado l’entusiasmo sia elevato però, i diversi uffici hanno opinioni differenti su Ia e Ml, nonché sull’implementazione di queste tecnologie.

Video

In tale contesto, un significativo 53% dei Ceo dell’area Emea è entusiasta di utilizzare queste tecnologie nelle proprie aziende, tuttavia sono preoccupati per i potenziali errori in cui esse potrebbero incorrere.  Il settore finanziario risulta ad uno stadio più avanzato nell’implementazione di queste tecnologie nel loro lavoro quotidiano: il 19% dei Chief Financial Officer (Cfo) ha dichiarato che i propri team stanno implementando l’Intelligenza Artificiale e sono in fase avanzata, a un livello quasi triplo rispetto ai team finanziari delle Americhe (7%). I responsabili finanziari dell’area Emea utilizzano Ia/Ml per migliorare le previsioni, le decisioni di bilancio e la pianificazione degli scenari, oltre che per supportare la pianificazione strategica tra i diversi rami di attività. Il settore Human Resources (Hr) di contro, è in ritardo nell’adozione: le risorse umane mostrano i tassi di adozione di più bassi, con il 44% dei leader dell’area Emea entusiasti del potenziale, ma con il 49% che non ha ancora iniziato ad adottare queste tecnologie all’interno dei propri team. 

Oltre ai diversi tassi di adozione, lo sviluppo di Intelligenza Artificiale e Machine Learning è influenzato anche da altre problematiche. Lo studio evidenzia come la gestione dei dati e l'eccessiva burocrazia rappresentino degli ostacoli per i dirigenti aziendali nell'abbracciare e adottare appieno il cambiamento. Il 60%  delle aziende di area Emea afferma che i propri dati sono isolati, il che rende arduo l’accesso a informazioni che possano essere utilizzate in tempo reale. Inoltre, solo il 22% delle aziende ha compiuto progressi consistenti nell’eliminazione di alcuni passaggi burocratici che rallentano il processo decisionale. Per molte organizzazioni, infatti, un maggiore utilizzo dell’Intelligenza Artificiale e del Machine Learning richiede un cambiamento culturale significativo, ma perché ciò avvenga è necessario che il management di alto livello sia d’accordo. In cambio, sempre secondo la ricerca, il 42% dei dirigenti d’azienda in Italia non siano ancora consapevoli del ruolo fondamentale che svolgeranno queste tecnologie.

In conclusione, i dirigenti dell’area Emea sono entusiasti del potenziale di Ia e Ml per migliorare le loro attività, soprattutto se questo viene utilizzato per migliorare i processi Hr o finanziari. Adottando soluzioni all’avanguardia, le aziende possono migliorare significativamente i risultati aziendali e raggiungere il successo.

“Per massimizzare il valore aziendale di Ia e Ml, è necessario iniziare ad allineare le aspettative con la realtà. Assicuratevi che la vostra azienda sia pronta per poter implementare queste tecnologie in modo efficace, identificando e colmando le lacune in materia di competenze”, ha suggerito Jens Löhmar di Workday. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA