Rugby, Mondiale Under 20, l'Italia sfida il Galles per lo storico settimo posto Diretta streaming

Sabato 16 Giugno 2018 di Christian Marchetti
In uno dei più incredibili Mondiali Under 20 della storia può succedere di tutto. Chissà, magari punta anche su questo l'Italia Junior di Fabio Roselli e Andrea Moretti che domenica 17 giugno, allo “Stade de la Mediterranee” di Beziers, affronterà l'omologa del Galles nella finale valevole per il settimo e ottavo posto. Calcio d'inizio alle 16, con diretta streaming sulla pagina Facebook della Federazione Italiana Rugby e su Therugbychannel.it. In caso di vittoria, gli azzurrini centrerebbero un traguardo mai raggiunto, un settimo gradino che migliorerebbe l'ottavo di un anno fa, quando proprio i baby Dragoni negarono questa soddisfazione a Lamaro e compagni. Il rugby nostrano gioì comunque per un traguardo storico, ma ora, parafrasando Gene Wilder in "Frankenstein Jr.", si può davvero fare.

Lo sa un gruppo di giocatori spregiudicato e ambizioso, sebbene ancora acerbo sul piano della disciplina e del cinismo (emblematica l'ultima semifinale contro l'Australia), e lo sa lo staff tecnico che, per l'occasione, mescola ancora le carte. Da sottolineare, anzitutto, l'impiego in mediana di Rizzi che riprende la maglia numero 10 da Di Marco. Tra i trequarti, confermatissimo quel D'Onofrio autore di tutte e tre le mete azzurre contro l'Australia. L'altra ala sarà Fusco, mentre ai centri andranno Mazza e Moscardi. Tre le modifiche in mischia: in terza linea, l'8 sarà affidata a Koffi, la 6 a Manni; in prima, tornerà Fischetti nel ruolo di pilone sinistro.

Per la terza volta in undici edizioni, saranno due europee a contendersi il titolo. Ossia l'Inghilterra e l'incredibile Francia, che in semifinale ha superato nientemeno che la Nuova Zelanda, relegandola alla finale per il bronzo contro il Sudafrica. Per la quinta piazza si affronteranno l'Australia e quell'Argentina che l'Italia ha superato nella fase a gironi. Scozia e, udite udite, Georgia se la vedranno per il nono posto; Giappone e, udite udite (ancora), l'Irlanda per evitare la retrocessione nel Mondiale B. Appena due anni fa, gli irish si giocavano la coppa più importante. Tutto pronto, ora, per il giorno della verità.

Questa la formazione dell'Italia:

15 Michelangelo BIONDELLI (Rugby Viadana 1970)
14 Alessandro FUSCO (Accademia Nazionale Ivan Francescato)
13 Matteo MOSCARDI (FEMI-CZ Rovigo)
12 Damiano MAZZA (Accademia Nazionale Ivan Francescato)
11 Giovanni D’ONOFRIO (Accademia Nazionale Ivan Francescato)
10 Antonio RIZZI (Petrarca Padova)
9 Nicolò CASILIO (Patarò Calvisano)
8 Antoine KOFFI (Accademia Nazionale Ivan Francescato)
7 Michele LAMARO (Petrarca Padova) - capitano
6 Lodovico MANNI (Mogliano Rugby) 
5 Edoardo IACHIZZI (Usap Perpignan)
4 Niccolò CANNONE (Petrarca Padova)
3 Michele MANCINI PARRI (Accademia Nazionale Ivan Francescato)
2 Matteo LUCCARDI (Patarò Calvisano)
1 Danilo FISCHETTI (Patarò Calvisano)

A disposizione
16 Niccolò TADDIA (Accademia Nazionale Ivan Francescato)
17 Guido ROMANO (Rugby Colorno)
18 Matteo NOCERA (Accademia Nazionale Ivan Francescato)
19 Matteo CANALI (Rugby Colorno)
20 Davide RUGGERI (Accademia Nazionale Ivan Francescato)
21 Luca CROSATO (Lafert San Donà)
22 Filippo DI MARCO (Accademia Nazionale Ivan Francescato)
23 Simone CORNELLI (Toscana Aeroporti I Medicei)    © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il pugno di ferro di Papa Francesco sui vescovi americani

di Franca Giansoldati