COVID

Italia, Mancini risponde al ministro Speranza : «Sport è diritto e priorità come la scuola»

Martedì 6 Ottobre 2020
7

«Il ministro Speranza ha detto che ci sono altre priorità rispetto al calcio, come la scuola? Io penso che qualche volta bisognerebbe pensare prima di parlare. Lo sport è un diritto per tutti gli italiani ed è una priorità come lo sono la scuola e il lavoro, milioni di italiani praticano sport ad ogni livello». È quanto afferma il ct dell'Italia, Roberto Mancini, durante la conferenza stampa che precede l'amichevole del Franchi contro la Moldavia.

LEGGI ANCHE Covid Napoli, Rrahmani positivo: è il terzo calciatore. Infetto anche un preparatore

«Chiesa ha enormi margini di miglioramento, è cresciuto molto nella Fiorentina e potrà crescere ancora nella Juventus».

«Quella del ranking è una questione molto importante, non possiamo compromettere quello che abbiamo fatto nei mesi con la partita di domani. Abbiamo recuperato 8-9 posizioni, vorremmo recuperarne altre prima del sorteggio per le qualificazioni Mondiali». Vincere per confermare la crescita degli azzurri, è quanto chiede all'Italia il ct Roberto Mancini alla vigilia dell'amichevole del Franchi contro la Moldavia. «Adesso le cose sono andate bene, bisogna fare bene anche per le partite che non contano, anche cambiando i giocatori -prosegue l'allenatore jesino in conferenza stampa-. La formazione di domani sarà diversa dalle ultime, ci sarà modo di impiegare ragazzi che finora hanno avuto meno spazio» «Domani ci aspettiamo un avversario chiuso, non dovremo avere fretta, ci è già capitato in altre occasioni», conclude.

 

Ultimo aggiornamento: 7 Ottobre, 16:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA