Il Villalba a caccia del colpo coppa
Angelucci: «Scriviamo la storia»

Martedì 4 Febbraio 2020 di Alessandro Monteverde
Ci credono eccome a Villalba. Alla vigilia di quella che è forse la gara più importante nella storia della società tiburtina, gli umori sono in fibrillazione. Si scaldano i cuori dei tifosi, monta la voglia della famiglia Scrocca di regalare alla sua gente una giornata di festa. Battere il Real Monterotondo Scalo sarebbe sì un impresa, ma anche un qualcosa di glorioso. E la gloria si sa, passa oltre l'impossibile. Lo sa bene il DS Angelucci, uno tra gli artecifici di questo gruppo che sorprende, le cui sensazioni sono un misto di umiltà e spirito combattivo: «Quello che stiamo vivendo in questi giorni è sicuramente qualcosa di incredibile. Abbiamo raggiunto un traguardo importante e siamo ad un passo da quello che ci permetterebbe di rimanere nella storia e di portare per la prima volta questo trofeo a Villalba. Sappiamo che sarà durissima perchè affrontiamo una squadra fortissima, di grande qualità e con giocatori di altre categorie. Loro sono una corazzata, noi una squadra giovane con tanta voglia. Fatto sta che è una finale e nessuna squadra può partire battuta».

L'umore alto in casa Villalba può far equilibrare una bilancia che nello Scalo vede la grande favorita, con quel pizzico di spensieratezza che i tiburtini avranno dalla loro: «Tranquillità non c'è nè neanche da parte nostra. Molti giocatori sanno che è un occasione più unica che rara e sicuramente c'è tensione. Certo è che partendo con gli sfavori del pronostico, vincere sarebbe ancor più bello. Entreremo in campo combattivi e determinati e con la consapevolezza che possiamo fare la storia». 

La storia, quella costruita nel tempo e con criterio dalla società del Presidente Scrocca, e dal triennio sportivo in cui l'Angelucci direttore è protagonista: «Per me la finale rappresenta un enorme soddisfazione professionale oltreche emotiva. In questi anni a Villalba ho condiviso un programma di lavoro stupendo con tutta la società e lo staff. Abbiamo un grande presidente, tifoso ed appasionato viscerale di questa maglia. La sinergia che abbiamo nel quotidiano è importantissima. Anche e soprattutto con il mister, che è il nostro top player». L'auspicio è tutto per la famiglia Scrocca: «Spero innanzitutto che sia una giornata di festa con tanta gente. Sappiamo che avremo un importante seguito da parte dei nostri tifosi. Loro come tutta la proprietà, meritano una grande gioia. In primis il Presidente, che in questi giorni ci sta trasmettendo tutta la sua carica».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma