«La schiavitù femminile non è un argomento datato», parla la scrittrice Antonella Cilento

Venerdì 8 Marzo 2019 di Valeria Arnaldi
Antonella Cilento
Schiavitù. Questo il tema scelto per la tappa romana di “Strane coppie”, rassegna culturale ideata e condotta dalla scrittrice Antonella Cilento giunta all’undicesima edizione. All’appuntamento, ieri, a Palazzo Altieri, insieme ad Antonella Cilento, Francesco Costa e Valeria Viganò. Oggetto e spunto per il dibattito i romanzi “Jane Eyre” di Charlotte Bronte, “Il grande mare dei Sargassi” di Jean Rhys e “Il colore viola” di Alice Walker, indagati, commentati, pure “ascoltati” grazie alle lettura di  Margherita Di Rauso con immagini e musica a cura di Marco Alfano, per parlare di schiavitù e discriminazioni di ieri ma anche di oggi.

«La rassegna è nata tanti anni fa nel napoletano - spiega Antonella Cilento - ed è diventata nazionale da quattro anni, quindi è un’iniziativa che parte dal Sud e arriva al Nord, cosa che non accade spesso. In questo undicesimo anno abbiamo deciso di allargare ulteriormente la manifestazione: non si tratta più solo di coppie di libri ma di vere e proprie costellazioni, titolo che abbiamo dato a questa edizione, con più testi e più arti coinvolte».

I classici diventano così strumenti di rilettura del nostro quotidiano, chiavi per ripensare l’oggi. «La schiavitù - prosegue - non è un argomento datato. Il tema dei tre libri è lo schiavismo, soprattutto femminile, di ‘700/’800 ma le donne spesso sono ancora schiave e di frequente non fanno rete, molte si adattano alla cultura patriarcale».
Fondamentale dunque è fare formazione, anche attraverso la lettura.  «In letteratura spesso le cose succedono prima che accadano nel mondo reale. Le arti frequentemente anticipano questioni sociali. Oggi ovviamente la situazione della donna è molto diversa da quella dei secoli scorsi, ma la rivoluzione è così giovane che la battaglia non si può considerare vinta. Non si può dimenticare, altrimenti il messaggio si interrompe. Dopo anni di avanzamento, siamo in un clima pericolosamente retrivo. Bisogna fare attenzione. Sarebbe bello se a questi incontri venissero anche ragazze e soprattutto ragazzi».

La rassegna proseguirà il 18 aprile a Napoli. Titolo dell’appuntamento, “Femminicidio (o l’incomprensibile femminile)”. Ospiti Laura Bosio e Giuseppe Montesano.
L’ultimo evento sarà il 23 maggio a Milano, con “Straniero/Straniamento”. Ospiti, Marta Morazzoni e Anna Toscano. © RIPRODUZIONE RISERVATA
Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma